Un film sull'omicidio Mattarella, a Palermo le riprese: nel cast Nino Frassica e Tony Sperandeo

La pellicola ricostruisce la storia del presidente della Regione ucciso in via Libertà il 6 gennaio 1980: "Andreotti incontrò il boss Bontade prima dell'omicidio"

L'attentato a Piersanti Mattarella

Inizierà il 4 febbraio prossimo, a Palermo, la pre-produzione del film ''Il delitto Mattarella'', che riscostruisce la storia del presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella, ucciso a Palermo, nella centralissima via Libertà, il 6 gennaio 1980. Il film sarà diretto da Aurelio Grimaldi. Le riprese avranno inizio il 25 febbraio, con un ricco cast siciliano composto da Leo Gullotta, Nino Frassica, Tuccio Musumeci, Pino Caruso, Pippo Pattavina, Toni Sperandeo, Donatella Finocchiaro, Lucia Sardo e Guia Jelo.

Aurelio Grimaldi da anni raccoglie materiali sul caso Mattarella. Dopo l'elezione del fratello Sergio al Quirinale, il regista ha scritto una sceneggiatura densa di fatti e documenti, con l'intento di combattere  l'oblio in cui è caduta la vicenda. ''Piersanti Mattarella è una  figura ingiustamente dimenticata. A Roma e Milano non esiste nemmeno  una via a lui dedicata", sottolinea Grimaldi, che aggiunge: "La  discrezione della impeccabile famiglia e del fratello presidente della Repubblica sono senza pari''.

Mattarella fu ucciso il 6 gennaio 1980. Secondo la vedova, Irma Chiazzese, il killer fu il terrorista di destra Valerio Fioravanti, da lei ripetutamente riconosciuto. Secondo il Giudice Istruttore, Giovanni Falcone, Mattarella fu ucciso da neofascisti per uno scambio di ''servizi'' tra Cosa Nostra, Banda della Magliana (che trattava col capomafia Pippo Calò il riciclaggio dei soldi mafiosi) e i Nar di Fioravanti, interessati a far evadere, con l'aiuto della mafia, il leader Concutelli, provvisoriamente rinchiuso nel carcere Ucciardone di Palermo. Ma Mattarella aveva avviato in Sicilia una giunta bianco-rossa con l'appoggio del Pci, in anticipo sulla Solidarietà Nazionale del suo maestro Aldo Moro. I principali avversari politici di Mattarella furono i suoi compagni di partito: Lima, Ciancimino, Gioia e Nicoletti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Giovanni Falcone non erano state trovate prove di una loro diretta responsabilità nell'omicidio-Mattarella. Ma il processo-Andreotti (con l'ex-premier democristiano dichiarato colpevole di associazione mafiosa fino al  1980, ma prescritto) ha comprovato, come scritto in sentenza sia di 1° grado che di 2° grado e in Cassazione, che Andreotti incontrò il boss Stefano Bontade subito prima dell'omicidio Mattarella, venendo a conoscenza che Cosa Nostra intendeva eliminare quello scomodo politico onesto, ma non fece nulla per proteggere il compagno di partito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento