Domenica, 19 Settembre 2021
Attualità

Festa dell'accoglienza, ai Cantieri Culturali una pomelia diventa simbolo di "comunità"

L'istituto Sperone-Pertini donerà il fiore che rappresenta pace, amicizia e che diventa metafora dei migranti agli studenti dell'ICS Antonio Ugo

Questa mattina l'ICS “Sperone-Pertini” sarà presente alla Festa dell’Accoglienza ai Cantieri Culturali della Zisa, con un dono che verrà consegnato agli studenti e alle studentesse dell’ICS “Antonio Ugo”. 

I ragazzi doneranno una pianta di pomelia, nella variante “palermitana”, dai caratteristici fiori bianco-gialli. Un dono dal significato simbolico, in quanto la pomelia non soltanto è una pianta simbolo di Palermo, ma anche perché è da sempre accostata ai concetti di pace e amicizia. La pomelia è per Palermo - se vogliamo - una metafora del migrante, che trova non soltanto accoglienza, ma si integra perfettamente, fino a diventare cifra qualificante della città.

La pomelia, fiore esotico, arriva infatti a Palermo nella seconda metà dell’800, dopo un lungo viaggio per mare. E’ una pianta che non cresce in ogni nuovo luogo, ma si lascia conquistare da Palermo e la conquista a sua volta. Ricalca la storia di una migrazione in terra sicula e di una felice integrazione. Ben si addice ai messaggi che ogni giorno lanciamo e testimoniamo all’interno dei nostri Istituti: messaggi di accoglienza, di inclusione, di valorizzazione delle diversità; perché un’immagine caleidoscopica è molto più bella e suggestiva di una monocromia.

La Scuola è laboratorio di comunità; si costruiscono relazioni, amicizie, ponti. E proprio un ponte ideale desideria realizzare la scuola Sperone-Pertini con l’ICS “Antonio Ugo”: contemporaneamente alla messa a dimora della pomelia donata all’”Antonio Ugo”, ne verrà piantata un’altra nel plesso Padre Puglisi di via Giannotta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa dell'accoglienza, ai Cantieri Culturali una pomelia diventa simbolo di "comunità"

PalermoToday è in caricamento