rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Attualità

Federico Martello, da San Cipirello a Tokyo per il concerto inclusivo con Katy Perry

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

E' originario della provincia di San Cipirello (PA) Federico Martello, l'unico cantante italiano protagonista, insieme ad altri 90 artisti con disabilità provenienti da tutto il mondo e della superstar Katy Perry, del concerto True colors festival, il più grande concerto inclusivo e accessibile realizzato al mondo col sostegno della Nippon Foundation, al Tokyo Garden Theater il 19 e 20 novembre.

Affermato artista a livello internazionale, protagonista nel 2019 dello show televisivo di Canale 5 “All Together Now” e di molti altri show all’estero, con un percorso musicale di costante impegno che testimonia come il talento e l’arte possano andare contro ogni barriera, ha "sposato sin da subito la causa della Nippon Foundation e del True Colors Festival di sostenere i diritti delle persone con disabilità, che lavorano per creare una società inclusiva che permetta alle persone di tutte le abilità di vivere la propria vita con dignità e di perseguire i propri sogni".

Lui stesso collabora attivamente con Peba Onlus per la sensibilizzazione e per promozione dell'abbattimento di barriere architettoniche degli spazi pubblici (ma anche quelle culturali e sociali). Impegno e messaggio che ha portato in tutti gli angoli del mondo, sostenendo che la vera inclusione delle persone con disabilità non può essere raggiunta fino a quando tutti nella società non adottano una "mentalità inclusiva" l'uno verso l'altro e fino a quando non si comprende che questa è una questione sociale più ampia, piuttosto che una questione incentrata solo sulla disabilità.

Questo suo impegno, unitamente ai meriti artistici internazionali, è stato riconosciuto dal Presidente Sergio Mattarella che gli ha conferito il titolo di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Con Katy Perry come ospite speciale, il doppio concerto ha offerto oltre 2 ore e mezza di puro intrattenimento e grande emozione al pubblico presente in teatro e a quello collegato in diretta streaming per seguire i talentuosi artisti che si sono avvicendati sul palco al grido di “One World, One Family”. Per la prima volta al mondo è stato offerta una suite di funzionalità che hanno consentito a quante più persone possibile di seguire il concerto: la lingua dei segni giapponese ed internazionale, sottotitoli in tempo reale, descrizione audio e personale nel teatro per tutti gli ospiti che necessitano di assistenza.

Dice Katy Perry, “Sono così orgogliosa di essere qui, di cantare al True Colours Festival, una celebrazione dell’inclusione e degli artisti, prima di tutto, e di guardare gli esseri umani sfidare le avversità e dare il meglio di sé. Poter partecipare a qualcosa di così positivo ed edificante e per una buona causa, mi rende così orgogliosa di essere sul palco con loro!” Federico ha fatto ingresso sul palco con le sue parole divenute famose nello show di Canale 5 “Non dirò che crescere con una disabilità sia facile o bello. Molte volte mia madre mi diceva: andiamo, usciamo a fare un giro. Ho pianto quanto più potevo, perché mi vergognavo dello sguardo della gente, mi intimidiva. Mia madre diceva: Oggi ti guardano, domani ti sorrideranno” e poi ha incantato il pubblico con “Because We Believe (Ama Credi e Vai)”, canzone di Andrea Bocelli e Gianna Nannini di chiusura delle Olimpiadi invernali di Torino 2006, appositamente scelta per il concerto per il profondo ed intenso messaggio di non arrendersi mai.

Tutti gli artisti, dai cantanti, ai musicisti, dai ballerini agli interpreti della lingua dei segni, si sono alternati sulle note di “Stand by me”: un’esibizione impeccabile, se si pensa che è stata preparata online nei mesi precedenti attraverso fusi orari differenti! Infine la chiusura dello spettacolo con tutti gli artisti insieme a Katy Perry. Il palco è un gioco di colori, movimento ed emozione e il testo di Firework è apparso estremamente appropriato quando tutti gli artisti cantavano: “Come on let your colors burst, you’re gonna leave them all in awe, awe, awe,”era certamente un messaggio che ha risuonato in tutto il teatro e in tutto il mondo.

A giudicare dagli applausi incontenibili del pubblico, era chiaro che erano rimasti tutti davvero sbalorditi! Federico sarà, per la prima volta, anche attore nella seconda stagione della serie televisiva “Canonico”, una produzione originale di TV2000 del giovane regista palermitano Peppe Toia, con protagonista Michele La Ginestra nei panni del parroco Don Michele alle prese con i problemi della vita quotidiana della sua comunità, affrontando diverse tematiche tra le quali le barriere architettoniche, adozione, caregiver, diversità. Per vedere le scene di Federico Martello e tutto il cast non resta che aspettare Marzo 2023 per vedere la seconda stagione di Canonico. Credit Foto: Daishiro Futakami & True Colors Festival. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Federico Martello, da San Cipirello a Tokyo per il concerto inclusivo con Katy Perry

PalermoToday è in caricamento