rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Attualità

Quei 45 gradi a Palermo ad agosto, Legambiente: "Emergenza clima, 2022 anno nero"

Il capoluogo siciliano tra le città maggiormente colpite anche dalle ondate di calore estive, con conseguenze sulla salute

Anche a Palermo il 2022 ha portato un aumento delle temperature, così come in tutta Italia: è l'allarme di Legambiente che definisce quello che sta passando  come un "anno nero" per il clima.

In questo 2022 "anno nero per il clima" l'Italia è stata colpita da un lungo periodo di siccità. Secondo i dati di Isac-Cnr, nei primi sette mesi dell'anno le piogge sono diminuite del 46% rispetto alla media degli ultimi trent`anni. Cruciale la prima parte dell'anno con cinque mesi consecutivi gravemente siccitosi, e un'anomalia, da gennaio a giugno, pari a -44% di piogge, equivalente a circa 35 miliardi di metri cubi di acqua in meno del normale. In crescente difficoltà i fiumi.

Gravi le conseguenze per l`agricoltura e per gli habitat naturali. L'11% delle aziende agricole si è ritrovata in una situazione talmente critica da portare alla cessazione dell`attività. In molte aree urbane si sono dovute imporre restrizioni all'uso dell'acqua. La siccità ha causato la perdita di produzione di energia, in particolare da idroelettrico. Nonostante i dati di Terna relativi ad aprile abbiano evidenziato un record assoluto di energia prodotta da fonti rinnovabili, è mancato all`appello l'idroelettrico. La produzione di energia da questa fonte, infatti, segnava -41% per effetto delle scarse precipitazioni, che hanno portato per mesi i livelli di riempimento degli invasi prossimi ai valori minimi registrati negli ultimi 50 anni. A dicembre, il livello del Po è rimasto inferiore alla media degli ultimi 20 anni ed a preoccupare è soprattutto la situazione delle falde, con livelli tra il 35 ed il 50% in meno della media mensile.

Ondate di calore: Palermo tra le città maggiormente colpite

Nel 2022 in Italia si sono registrate temperature eccezionali già da maggio con punte di 36,1°C a Firenze, 35,6°C a Grosseto, 34°C a Pisa e 32,8°C a Genova. Ma anche a Ustica con 33,4°C e Torino con 29,2°C. Il mese di giugno ha visto un'anomalia della temperatura media di +3,3°C se consideriamo l`Italia nel suo insieme, con punte di 41,2°C a Guidonia Montecelio (Rm), 40°C a Prato, Firenze, Viterbo e Roma. A luglio record per le città lombarde: a Brescia e Cremona si sono registrati 39,5°C, a Pavia 38,9°C e a Milano 38,5°C. Ad agosto i termometri hanno segnato tra i 40 e i 45°C a Palermo, Catania e Reggio Calabria, mentre a Bari si è arrivati a 39°C.

Questi livelli di caldo eccezionale, prolungati per settimane e mesi in gran parte del Paese, hanno portato a gravi conseguenze sulla salute umana. L'ondata di calore che ha impattato più duramente è stata quella della seconda metà di luglio, con un aumento di mortalità che ha raggiunto, stando ai dati di Ministero della Salute e Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio, il 36% in tutte le aree del Paese, ma in particolare in alcune città del nord. Tra le città maggiormente colpite Torino che ha visto un eccesso di mortalità pari a +70%, a cui segue Campobasso (+69%), poi Bari (+60%), Bolzano (+59%), Milano e Genova (+49%), Viterbo (+48%), Firenze (+43%), Catania (+42%). Solo nel 2022 sono stati oltre 2.300 i decessi in Italia dovuti alle ondate di calore, secondo le analisi di Ministero della Salute e Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio, in crescita rispetto ai 1.472 del 2021 e ai 685 del 2020.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quei 45 gradi a Palermo ad agosto, Legambiente: "Emergenza clima, 2022 anno nero"

PalermoToday è in caricamento