Elezioni al Csm, tra i sedici candidati c'è anche Nino Di Matteo

Il voto servirà per scegliere i due togati del Consiglio superiore della magistratura in rappresentanza dei pubblici ministeri. Di Matteo ha ricoperto il ruolo di pm nel processo sulla trattativa Stato-mafia e ora è alla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo

Nino Di Matteo

C'è anche il palermitano Nino Di Matteo tra i sedici candidati per le elezioni suppletive che si terranno il 6 e 7 ottobre indette per scegliere i due togati del Consiglio superiore della magistratura in rappresentanza dei pubblici ministeri. Il voto si è reso necessario dopo le dimissioni di Antonio Lepre e Luigi Spina, coinvolti nella bufera che ha travolto il Csm per effetto dell'inchiesta di Perugia. 

Di Matteo ha ricoperto il ruolo di pm nel processo sulla trattativa Stato-mafia e ora è alla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo. Tra gli altri si sono candidati Anna Canepa, anche lei sostituto alla Dna ed ex segretario di Magistratura democratica, titolare di importanti inchieste antimafia e che a Genova è stata pm nel processo per i fatti del G8. Altro esponente di Md è Filippo Vanorio, sostituto procuratore a Napoli, tra i pm dell'inchiesta su Silvio Berlusconi per la cosiddetta compravendita dei senatori .

Gli altri candidati sono Paola Camera, sostituto procuratore generale Venezia, Alessandro Crini procuratore a Pisa, che ha deciso la riapertura dell'inchiesta su Emanuele Scieri, il parà trovato morto in caserma all'agosto del 1999. Ancora concorrono ai due posti di pm Antonio D'Amato, aggiunto a Santa Maria Capua Vetere, Francesco De Falco, sostituto a Napoli, Francesco De Tommasi, sostituto a Milano, Grazia Errede, sostituto a Bari, Anna Chiara Fasano, sostituto a Nocera inferiore, Andrea Laurino, sostituto ad Ancona, Lorenzo Lerario, sostituto procuratore generale a Bari Simona Maisto, sostituto a Roma Gabriele Mazzotta, aggiunto a Firenze. Infine Alessandro Milita, aggiunto a Santa Maria Capua Vetere, titolare delle indagini sulla morte di Tiziana Cantone, e Tiziana Siciliano, procuratore aggiunto a Milano, che si è occupata del caso di Dj Fabo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le candidature, ha sottolineato il presidente dell'Anm Luca Poniz, "sono un successo della linea dell'Associazione, che ha stimolato l'idea di una competizione vera e aperta. Alcune infatti sono riconducibili a gruppi mentre altre sono espressione di esperienze personali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento