rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Attualità

Una vita in sedie a rotelle, Ficarra e Picone producono docufilm sulle "battaglie" quotidiane di Giovanni Cupidi

Si intitola Il figlio di Tarzan, alla regia Mariagrazia Moncada. Protagonista il vicepresidente di "Siamo handicappati no cretini", che da anni combatte per i diritti negati delle persone con disabilità

Presentato sabato sera al Cinema De Seta ai Cantieri Culturali della Zisa il docufilm "Il Figlio di Tarzan". Il lavoro, prodotto da Ficarra e Picone, vede alla regia Mariagrazia Moncada e racconta la vita di Giovanni Cupidi, tetraplegico dall'età di tredici anni conosciuto in città - e non solo - per le battaglie che ha combattuto per far sì che le persone con disabilità, come lui, possano vedersi riconosciuti i diritti che ancora - troppo spesso - gli sono negati. Dall'assistenza domiciliare alle barriere architettoniche, dall'assenza delle istituzioni al coinvolgimento della società civile tanti gli argomenti di cui si è occupato e continua ad occuparsi.

"Sono tutti temi - commenta Cupidi - che il docufilm tocca e denuncia attraverso il racconto della mia vita quotidianamente. E' stata una serata eccezionale, molto emozionante e con grande partecipazione di pubblico in una sala praticamente gremita (rispettando per scelta della produzione comunque il distanziamento). E' stato bello e un po' strano vedere il documentario proiettato sul grande schermo, fa proprio tutto un altro effetto! Grazie al Comune di Palermo - conclude Cupidi - per aver patrocinato gratuitamente l'evento". 

La storia di Giovanni Cupidi, che ricopre anche la carica di vicepresidente del comitato "Siamo handicappati no cretini", prima che del documentario è stata la protagonista del libro "Noi siamo Immortali", scritto da Cupidi, e la cui prefazione è stata curata da Jovanotti. Il libro racconta la spensieratezza dell’infanzia, il rapporto con i genitori e gli amici, fino alla malattia e alla rinascita. Nel testo l’autore ci parla anche della sua battaglia per i diritti dei disabili, del suo ruolo di attivista e dell’impegno costante profuso per dare voce a chi troppo spesso viene dimenticato dalle istituzioni. E poi gli obiettivi raggiunti, i desideri, i sogni e le ambizioni verso cui tendere da una carrozzina elettronica, che da impedimento può diventare un mezzo per “muovere” il mondo. "Noi siamo Immortali" è un omaggio alla vita, alla forza di volontà e all’orgoglio.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una vita in sedie a rotelle, Ficarra e Picone producono docufilm sulle "battaglie" quotidiane di Giovanni Cupidi

PalermoToday è in caricamento