Il virus blocca anche i ballerini del Teatro Massimo: "Il futuro della danza non è sul web"

La testimonianza di Vito Bortone, danzatore scritturato con contratto a tempo determinato "Non sappiamo se e quando ci sarà ripresa. Non si può pensare di danzare senza toccarsi o con una mascherina, o senza l'applauso e il calore del pubblico"

Vito Bortone

"A casa senza stipendio. E' tutto buio al momento, molto buio". E' questa la condizione di artisti come Vito Bortone, ballerino di 43 anni, che dal 2005 lavora con il Teatro Massimo. La crisi portata dalla pandemia ha aggravato la situazione di un mondo, quello della danza, già "precario". Intervistato dall'agenzia Dire, Vito Bortone ha ricordato infatti che in Italia ad oggi "sono solo quattro le Fondazioni liriche con un corpo di ballo e questo ci fa capire che la danza viveva già, da anni, una profonda crisi. Molte Fondazioni e corpi di ballo sono stati chiusi. Lo conferma anche il fatto che al Massimo - ha sottolineato - abbiamo nella stagione 3 titoli, al massimo 4 con un periodo di lavoro di 7 mesi e mezzo, al massimo 8".

Vito Bortone è uno "scritturato con contratto a tempo determinato. Ogni qual volta c'è una programmazione di balletto - ha chiarito - vengo scritturato e licenziato alla fine. Non sappiamo cosa accadrà nel futuro. Se e quando ci sarà ripresa. Il corpo stabile di ballo ha goduto delle ferie fino al 19 aprile, poi rientreranno nella Fis (Fondo d'integrazione salariale), la vecchia cassa integrazione. Il corpo di ballo degli aggiunti ha avuto la sospensione del contratto dal 10 marzo e rientreremo in questa Fis, ma per 9 settimane".

Il contatto con il Teatro Massimo è continuo e intanto sulla "situazione di emergenza che ha portato la danza sul web" il ballerino ha parlato di "un modo per restare in contatto", che non può in alcun modo sostituire "l'adrenalina del palcoscenico. Non vedo futuro in questo - ha ribadito - e non voglio vederlo". Si avvicina la giornata mondiale della danza, che sarà celebrata il 29 aprile, e proprio pensando al ritorno sul palcoscenico e a cosa rappresenti per lui e tanti ballerini ora costretti a casa, Vito Bortone ha detto: "Non si può pensare di danzare senza toccarsi o con una mascherina, o senza l'applauso e il calore del pubblico. A questo futuro non ci voglio pensare".

Fonte Dire

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento