Coronavirus a Palermo, spesa sospesa e farmaci a domicilio: tutti i contatti utili

In città ma anche in provincia sono tanti i progetti che istituzioni e associazioni hanno messo in campo per aiutare le fasce più deboli. Segnalate anche voi le vostre iniziative di solidarietà

Come fa una famiglia in difficoltà economica a sopravvivere in questo momento difficile? Chi porta la spesa o i medicinali agli anziani o alle persone con patologie che non possono uscire di casa? Chi posso contattare se ho bisogno di assistenza domiciliare o di supporto psicologico? Sono alcune delle domande che si sentono più spesso in queste giornate di emergenza sanitaria da Coronavirus. A Palermo e in provincia sono tante le iniziative che istituzioni e associazioni hanno messo in campo per aiutare le fasce più deboli. (Per segnalare le vostre iniziative di solidarietà, inviate una mail agli indirizzi: rosalia.bonfardino@citynews.it o redazione@palermotoday.it.)

Istituzioni in prima linea

spesa sospesa 2-2-3Mentre si attende l'attivazione della macchina della solidarietà messa in campo dal Governo nazionale per i Comuni e le famiglie indigenti, un primo aiuto concreto alle persone in difficoltà economica che non hanno modo di sostentarsi autonomamente è arrivato nei giorni scorsi proprio dalle istituzioni locali. Il Comune, in collaborazione con la Caritas e le associazioni "Banco Alimentare" e "Banco delle opere di carità", ha infatti attivato un sistema di assistenza alimentare cui già nel giro di pochi giorni sono arrivate migliaia di richieste. E' possibile registrarsi tramite email all'indirizzo di posta elettronica certificata protezionecivile@cert.comune.palermo.it, tramite telefono ai numeri 0917401411 - 0917401404 oppure online sul sito curato dall'amministrazione comunale. Un sistema automatico verificherà in tempo reale se il nominativo è già stato inserito, anche per non sovraccaricare gli uffici che devono controllare che non vi siano duplicati o che le persone che si registrano non siano già beneficiarie degli interventi. Per le famiglie in quarantena e per quelle con persone non autosufficienti si sta attrezzando un servizio ad hoc a cura della Caritas e degli Uffici comunali, cui dalla prossima settimana si aggiungeranno i volontari della Protezione civile. Le attività saranno momentaneamente sospese perché sono stati raggiunti gli 11 mila iscritti. Le iscrizioni saranno riaperte lunedì 6 aprile. Per quanto riguarda l’aiuto economico, si stanno attualmente valutando, anche in collaborazione con una serie di fornitori di servizi nazionali, tre possibili strade: buoni pasto, carta prepagata, convenzione con catene con dematerializzazione del contributo.

Il Comune ha attivato un conto corrente dedicato a quanti volessero contribuire a sostenere l'impegno dell'amministrazione per affrontare l'emergenza Covid-19. Si tratta di un conto corrente straordinario, le cui entrate saranno destinate agli interventi di solidarietà alimentare rivolti alla popolazione. Il conto, acceso presso il Tesoriere Banca Nazionale del Lavoro, ha l'IBAN IT29.E010.0504.6000.0000.0011.072 ed è intestato a Comune di Palermo - Emergenza Covid19.

Anche dalla Regione un progetto di solidarietà alimentare per sostenere e rafforzare la raccolta e la distribuzione degli alimenti alle strutture caritative dell'Isola. Il Piano della Regione, realizzato e messo a punto dagli assessorati dell’Agricoltura e dell'Ambiente, mediante l’impiego del Corpo forestale regionale, prevede il coinvolgimento e la sensibilizzazione di tutti i produttori agricoli e alimentari della Sicilia, dei Distretti del cibo, dei Consorzi di tutela e delle associazioni di categoria, per la raccolta di prodotti agricoli e alimentari, da destinare alle strutture caritative, in risposta alla crescente domanda delle persone in difficoltà socio economica, a seguito dell’emergenza Covid-19. Hanno già aderito numerose aziende, le altre che vorranno sostenere l’iniziativa potranno contattare il numero 091/7076034 o inviare una mail al seguente indirizzo di posta elettronica solidarieta.alimentare@regione.sicilia.it.

Prende il via il progetto "La spesa con il cuore". Un’iniziativa nata tra le associazioni di volontariato aderenti all’Anpas, le associazioni sportive cittadine e la Protezione Civile del Comune di Palermo che si concretizza tramite due azioni benefiche volte ad aiutare i più bisognosi e al quale ognuno di noi potrà partecipare. I supermercati che aderiscono all’iniziativa: Carrefour via De Gasperi, Carrefour piazza Marina e Carrefour via Castelforte. Per informazioni  335.649.4941  - 339.525.0729 www.anpas-sicilia.it. 

Spesa sospesa e farmaci solidali

spesa sospesa-2-2-2Se da una parte si è attivato l'iter dei servizi sociali, dall'altra associazioni, supermercati e volontari stanno facendo la loro parte per non lasciare sole e venire incontro alle persone bisognose. Anche a Palermo si è attivata così la cosiddetta "spesa sospesa". Aderire all'iniziativa è semplice per tutti. Quando andiamo al supermercato a fare la spesa, possiamo lasciare generi di prima necessità "sospesi" per chi non può permetterseli. La stessa cosa si può fare in farmacia. Un volontario Anas (associazione nazionale di azione sociale gruppo Ges) verrà a ritirarla per favorire il buono alla famiglia designata. E' possibile lasciare inoltre una donazione in uno dei market aderenti all'iniziativa: panificio salumeria quartiere Kalsa, supermercato in via Montepellegrino, macelleria in zona Policlinico, negozio di pesce surgelato in zona viale Emilia, frutta e verdura via Sampolo. A venire incontro alle esigenze sia di chi ha necessità di avere consegnata la spesa a domicilio che di chi ha difficoltà economiche è anche il Pascolo Verde di Carini che consegna a domicilio con un ordine minimo di 30 euro. I volontari dell'Anas effettuano gli ordini online sul sito del suddetto negozio d'ingrosso, il titolare mette da parte la merce. Poi viene assegnato un donante a cui viene abbinato un numero e un buono d'ordine e si procede alla consegna in base alla zona di pertinenza, mettendo insieme tutti gli ordini di uno stesso quartiere. E' possibile inoltre far pervenire con servizio a domicilio la spesa acquistata presso il dormitorio La Casa di Muhil di piazzetta della Pace 6 (preferibilmente scatolame di carne/tonno, pasta, latte, biscotti, prodotti per bambini e neonati come omogeneizzati e pannolini, prodotti a lunga conservazione) o il Centro Arcobaleno che si occupa di senza fissa dimora in zona Guadagna. Per informazioni sulla logistica delle donazioni, contattare telefonicamente il numero 3477267578. 

I fanti e le patronesse dell’associazione nazionale del Fante hanno consegnato 600 kg di caponata e una pedana di stoviglie monouso per sostenere la Missione Speranza e Carità in questi difficili giorni. Lo hanno potuto fare grazie alle donazioni che sono pervenute al conto corrente dedicato attivo già da oltre una settimana e grazie al contributo personale di parecchi soci che hanno raccolto l'accorato appello dei Missionari della comunità fondata da Fratel Biagio Conte. La richiesta di aiuto rimane, però, alta. Chiunque può dare il suo contributo, anche piccolo, con una donazione sul conto corrente bancario intestato al Presidente AssoFante alle seguenti coordinate: Iban IT04J0306967684510337321150 Intestato a Vincenzo Maniaci Causale: Donazione Emergenza Coronavirus per missione Speranza e Carità (cognome e nome del benefattore). Per ogni necessità sono attivi i numeri 360.1002424 e 091 8430341.

Sabato 4 aprile, alle 11.30, Coldiretti Palermo donerà alla Missione Speranza e Carità di Biagio Conte la “spesa sospesa” dei produttori Campagna Amica. Si tratta di un’iniziativa nazionale che vede anche la Sicilia in prima fila nell’offerta di cibo di qualità. Farina, ortofrutta, formaggi, miele sono alcuni dei prodotti che saranno portati nella sede di Via Tiro a Segno dalla presidente Valentina Dara Guccione. “E’ importante che in questo momento la solidarietà abbracci tutti anche con prodotti come quelli dei nostri agricoltori - sottolinea Valentina Dara Guccione - perché mangiare bene, in modo sano, in modo genuino, è un diritto. Questo il messaggio che vogliamo condividere e che ci rende orgogliosi di contribuire ad alleviare alcuni problemi di chi in questo momento è solo”. Per Riccardo Rossi, portavoce della Missione, “ogni gesto è prezioso e tutti insieme possiamo cambiare il mondo". 

Spesa, pranzi, cene e commercio a domicilio 

Già da alcuni giorni PalermoToday ha creato una sorta di database online che raccoglie tutte le attività commerciali (ristoranti, pizzerie e altro) che chiudono, così come vuole il governo, ma che si rilanciano sul mercato grazie ad e-commerce, delivery e consegne a domicilio. Non solo spesa e cibo. Ecco infatti una mappa del commercio che resiste laddove l'emergenza sanitaria dettata dal Coronavirus ci impone di reinventarci stando a casa. 

Associazionismo e volontariato

La solidarietà nei confronti dei più deboli parte dai giovani. Ne è un esempio l'iniziativa del gruppo Facebook "Solidarietà attiva Palermo emergenza Covid-19", che conta oltre 2 mila membri. Numerosi volontari hanno deciso infatti di mettere insieme le loro forze per fare la spesa o acquistare farmaci ad anziani e malati del proprio quartiere di pertinenza, affiggendo un volantino nel proprio condominio, in quelli vicini o attraverso il passaparola. "Non vogliamo sostituirci a chi lo fa per lavoro ma dare una mano in questo momento difficile". 

Sono decine le richieste di aiuto che giungono alla segreteria della Missione “Pdg Outside”, braccio sociale della Chiesa Cristiana “Parola della Grazia” guidata da Lirio Porrello. Anche questa settimana i volontari hanno distribuito gratuitamente alimenti per famiglie bisognose e che, a causa dell’isolamento da Coronavirus, non riescono a svolgere la propria attività lavorativa. Numero Whatsapp dell'associazione: 3477088330. 

Al centro commerciale La Torre volontari della Croce Rossa Italiana Comitato di Palermo in azione per portare la spesa a chi ha fatto richiesta all'Ipercoop. 

In campo anche il coordinamento Albergheria e Capo Insieme. Per segnalare o richiedere interventi per se stessi o per chi necessita di assistenza materiale, l'associazione invita i residenti dei quartieri a contattare la Caritas Diocesana al numero 091-327986. 

Il laboratorio politico "Palermo merita di più", fondato da Eusebio Dalì, vicepresidente dell’Ast, al fianco delle parrocchie per aiutare le famiglie che in questo periodo di emergenza a causa del Coronavirus sono in difficoltà economiche. Le coordinate a cui fare il bonifico all'interno dell'articolo

Una rete di solidarietà a favore delle persone più fragili e bisognose, dei senza fissa dimora e di tutti coloro che in questo momento, a causa dell’epidemia si trovano in situazioni di povertà. E’ quella promossa dalla Caritas diocesana di Palermo, a cui Confesercenti Palermo aderisce con un aiuto concreto. “Il gruppo dirigente – dice l’associazione – è già sensibilizzato ed impegnato a sostenere l’iniziativa Nessuno si salva da solo, ma saranno coinvolte anche le tante imprese palermitane e i loro soci che sicuramente potranno fare la loro parte per aiutare chi si trova in una situazione di grave disagio economico". 

A dare il proprio contributo anche l'associazione del Corpo Consolare che ha effettuato nei giorni scorsi una considerevole donazione alla Caritas per l'acquisto di prodotti alimentari di prima necessità per le famiglie disagiate. "Grazie - ha detto il sindaco Orlando - per la sensibilità dimostrata".

L'istituto comprensivo Giovanni Falcone dello Zen risponde alla crisi socio-economica innescata dall'epidemia di Covid-19 con un meccanismo virtuoso: preside e docenti si autotassano per aiutare quanti non possono fare la spesa.

La Parrocchia Santa Maria La Nova si attiva per la colletta alimentare. L'iniziativa, intitolata "facciamo la spesa per chi non può", prevede una colletta straordinaria alimentare davanti al Carrefour di salite Partanna sabato 4 aprile dalle 9 alle 18 con la supervisione dei carabinieri della stazione di via Scopari. A comunicare l'iniziativa il vice presidente della Prima circoscrizione Antonio Nicolao. Gli alimenti verranno distribuiti a chi non ha alcun reddito.

Assistenza psicologica

supporto psicologico-2Non meno importante in queste giornate difficili ricevere supporto psicologico per affrontare paure e incertezze. L’Asp, attraverso l’Unità operativa complessa Psicologia, offre un supporto psicologico a tutti i residenti in città e provincia, che ne sentano il bisogno. Il servizio è assicurato da psicologi specializzati e, da tempo, impegnati nell’assistenza sanitaria. Sarà assicurata la privacy nei limiti di quanto previsto dalle disposizioni di legge. Il servizio sarà attivo, a partire da domani, dal lunedì al sabato dalle 9 alle 18 telefonando ai seguenti numeri: 091-7036951 oppure 091-7036952. È stato, inoltre, attivato un indirizzo di posta elettronica - tiracconto.covid@asppalermo.org - per quanti volessero utilizzare la scrittura per raccontare la storia di questo loro momento:

Attivato un ambulatorio virtuale telefonico. L'iniziativa Psicohelp, supportata da Giovanna Volo, direttore sanitario del Policlinico Giaccone di Palermo, e dal risk manager aziendale Alberto Firenze, si inserisce nei progetti di umanizzazione delle cure che l'ospedale universitario sta promuovendo ormai da anni. La Fondazione Giglio di Cefalù ha attivato, con il proprio staff di psicologi clinici, diretto da Giuseppe Rotondo, un servizio di consulenza e supporto psicologico gratuito per chiunque si trovi in una condizione di disagio psichico connesso all’emergenza Coronavirus. Gli psicologi dell'istituto risponderanno dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30 al numero 0921-920333. 

L’associazione “Un Giorno Nuovo” ha attivato il servizio di ascolto e sostegno telefonico “Ascoltiamo-ci Insieme”, disponibile il lunedì mercoledì e venerdì dalle 16 alle 19 e il martedì e giovedì dalle 9 alle 12. Chiunque sentisse la necessità di avere un momento di sostegno e di supporto, potrà chiamare il numero 3501654359 nei giorni e orari sopra indicati. I nostri operatori saranno a disposizione per ascoltarvi e darvi la loro vicinanza in questo momento di prova e difficoltà per tutta la nostra comunità.

Bagheria

Una spesa sospesa, sulla falsa riga del caffè sospeso, anche a Bagheria. "Grazie alla collaborazione con Caritas cittadina - dice il sindaco Filippo Maria Tripoli - abbiamo attivato questa iniziativa benefica per sostenere le famiglie in difficoltà economica in seguito all’emergenza coronavirus e contribuire all’acquisto di beni primari". SI precisa onde evitare spiacevoli dinieghi che la distribuzione verrà eseguita previa valutazione dei casi di reale e assoluta necessità da parte del servizio sociale comunale. L’idea punta a sostenere non solo le famiglie in difficoltà ma anche i piccoli esercizi commerciali che vorranno aderire, scrivendo all'indirizzo di posta elettronica icp@comune.bagheria.pa.it. Gli esercenti commerciali che vorranno aderire verranno resi noti attraverso una pagina web sul sito web comunale nella sezione info coronavirus, quelli che già si sono resi disponibili alla spesa a domicilio, potranno comunicare di voler aderire anche a questa iniziativa. Per tutte le informazioni contattare o il segretariato sociale al numero 3400880058 o la Caritas cittadina: 091-5079341 o 3938835714. Se volete dare un contributo in denaro Iban Caritas IT 70 I 216 43070 00000838212. 

Stop al pagamento della Tosap dal'8 marzo al 31 maggio, l'avvio di un servizio di consegna a domicilio di generi alimentari e farmaci ad anziani e persone malate sole e l'avvio di uno sportello telefonico di assistenza psicologica. Così il Comune di Bagheria reagisce all'epidemia di Coronavirus. La Giunta ha inoltre disposto la creazione di un conto con uno specifico Iban per eventuali donazioni. (IBAN=IT 65 U 01030 43071 000003885251 - intestato a Comune di Bagheria (causale "Donazione per emergenza Coronavirus").

Isola delle Femmine

L'iniziativa della spesa sospesa arriva anche a Isola delle Femmine. I volontari sono infatti nei supermercati ad aspettare un gesto di generosità. Lìiniziativa è presente nei seguenti esercizi commerciali: Ard di via Nazionale, 26; Conad di via Delle Industrie, 7; Sisa di via dell’Albatros, 2; Despar di via Roma, 101; Minimarket di Barbalà Marcello, via Lungomare Eufemio, 2. 

Cefalà Diana

La macchina della solidarietà si è attivata anche a Cefalà Diana non solo attraverso la Protezione civile ma anche con il Cisom, il Comitato italiano di soccorso dell'Ordine di Malta che ha risposto attivamente alla richiesta di aiuto lanciata dall'amministrazione comunale, mettendo in campo non solo i beni di prima necessità ma le proprie risorse umane a favore dei più deboli. 

Cefalù 

L’amministrazione comunale avvia la spesa sospesa. Attraverso tale modalità di collaborazione civile e interpersonale, i cittadini che lo volessero potranno acquistare, presso gli esercizi commerciali che aderiscono all’iniziativa, uno o più prodotti e riporli in un carrello dedicato alla raccolta alimentare messo a disposizione dell’esercente. I negozi e i supermercati aderenti esporranno, bene in vista, cartelli informativi dell’iniziativa. Il Comune di Cefalù, nell’ambito del progetto comunale “Spesa solidale” provvederà ad effettuare la raccolta delle derrate alimentari e dei generi di prima necessità quotidianamente resi disponibili dalla generosità dei cittadini, e a recapitarli a quei nuclei familiari che ne avessero immediata necessità. La selezione dei nuclei familiari beneficiari viene effettuata dai Servizi Sociali del Comune, previa verifica dell’effettivo stato di bisogno. Le attività commerciali aderenti all’iniziativa sono: Gourmet Decò Cefalù, MD Cefalù, Conad Cefalù, Supermarket Giardina Despar e Food Sicily Market. L'amministrazione ha attivato inoltre un servizio di supporto psicologico a distanza attraverso alcuni educatori professionali e uno psicologo che si mettono al servizio della collettività. Il servizio è reso gratuitamentedalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 18 chiamando i numeri 3349994667, 3933874247, 3494296394 (educatori), 3280196235 (psicologo). 

La Diocesi di Cefalù sceglie di agire concretamente in favore dei più deboli. Il vescovo, Giuseppe Marciante, ha stanziato 206 mila euro per il pagamento di utenze, affitti, farmaci e beni di prima necessità alle fasce più svantaggiate. Istituito anche un numero verde, attivo tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 18: 800721287.

Campofelice di Roccella

Dopo la donazione a sostegno della Spesa Solidale a favore della città di Termini Imerese, il Gruppo Lvs ha deciso di sostenere anche la #SpesaSolidale nella città di Campofelice di Roccella, dove la società gestisce un impianto di selezione e avvio al recupero della plastica. La donazione è stata fatta al Comune di Campofelice di Roccella, alla Protezione Civile locale e al Comitato cittadino della Croce Rossa Italiana. Le somme sono destinate all’acquisto di beni di prima necessità. “Ci sembrava doveroso – spiega il direttore Gaetano Rubino – estendere la nostra solidarietà all’altra città in cui operiamo. Siamo legati al nostro territorio e per questo vogliamo dare un aiuto concreto alle famiglie che in questo particolare momento si trovano in difficoltà. Siamo consapevoli che possiamo superare la crisi determinata dal coronavirus solo insieme, sia dal punto di vista sanitario sia da quello economico. Se tutti rispettiamo le limitazioni imposte dalle autorità e se tutti ci aiutiamo ce la faremo”.

Piana degli Albanesi 

Spesa sospesa e spesa a domicilio anche a Piana degli Albanesi. Per tutte le informazioni, vi invitiamo a seguire la pagina del Comitato Cittadino Emergenza Coronavirus, già istituito qualche settimana fa, che collabora insieme a Comune, Protezione civile e Caritas. Spesa sospesa: in tutti i supermercati potrete donare parte della vostra spesa che verrà distribuito dalla Caritas alle famiglie richiedenti. Spesa a domicilio: rivolto agli anziani con più di 65 anni, o affetti da patologie gravi o con disabilità ai quali maggiormente è raccomandato rimanere a casa.

Termini Imerese 

Il Gruppo Lvs ha deciso di donare 5 mila euro a favore della Protezione Civile di Termini Imerese per sostenere la spesa solidale a favore delle famiglie in difficoltà. “In una città che negli ultimi anni ha visto chiudere tante aziende, grandi e piccole - spiega il direttore del gruppo, Gaetano Rubino – l’emergenza coronavirus ha aggravato la situazione. C’è quindi un’emergenza nell’emergenza di fronte alla quale bisogna dare una risposta immediata. Per questo abbiamo deciso di fare la nostra parte”. “Da anni operiamo a Termini Imerese con i nostri impianti - aggiunge Rubino - e ci sentiamo parte integrante di questo territorio. Nella nostra filosofia aziendale riteniamo che le imprese non possano pensarsi come un’entità isolata rispetto al contesto sociale in cui si trovano, ma al contrario devono agire in sintonia con la comunità. E in questo momento c’è bisogno di solidarietà. Le somme devolute serviranno ad acquistare prodotti alimentari di prima necessità, che verranno distribuiti a chi ne ha bisogno dalla Protezione civile locale”. Lvs Group, con le sue società, si occupa dell’avvio al recupero della raccolta differenziata proveniente da comuni, aziende pubbliche e private della Sicilia. In particolare seleziona i rifiuti in plastica, carta e cartone, vetro, metalli, legno per trasformarli nuovamente in materia prima riciclata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Villafrati

Il Comune ha destinato un conto corrente alle donazioni per una raccolta fondi e solidarietà. Anche dalla propria abitazione, ognuno potrà dare il suo contributo. Per cittadini e imprese che intendono effettuare donazioni ecco l'elenco con le indicazioni delle coordinate bancarie sul quale si possono effettuare i versamenti: IBAN: IT97Z0760104600001049377730 intestato a: Comune di Villafrati emergenza Covid-19. Causale Emergenza Corona Virus. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento