menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, quante idee nella Palermo blindata: ecco il film proiettato sul palazzo di fronte

Al Borgo Vecchio il proprietario di un bed and breakfast proietta sulla facciata del palazzo di fronte “Tempi moderni” di Charlie Chaplin improvvisando un cineforum per i suoi vicini

Affacciati alla finestra Palermo mia. E dai balconi canta, applaudi, balla e dì a tutti che ci sei anche se resti a casa. Perché nella città che non si arrende, i balconi diventano una terapia. Un modo per esorcizzare una quarantena forzata, un isolamento che tiene lontani ma vicini. Così è vicino nel vero senso della parola il dirimpettaio che ora diventa un amico, la signora del piano di sotto che hai incontrato qualche volta in ascensore, il ragazzo nel balcone accanto al tuo che saluti di tanto in tanto con un cenno di mano.

Nei condomìni che si trasformano in social network, così, i vicini di casa diventano followers con cui condividere esperienze, trasformando e ingannando il tempo che sembra non passare mai. I balconi mettono copertine strette e lunghe, dipinte a mano dai bambini che su fogli o lenzuola senza pixel disegnano arcobaleni e lanciano l’hashtag “Andrà tutto bene”. Gli applausi a mezzogiorno, per ringraziare tutti i medici e gli infermieri che stanno fronteggiando questa gigantesca emergenza sanitaria, diventano virali da balcone a balcone.

I flashmob musicali alle 18 sono i nuovi tormentoni. E nell’era di Youtube, i link con le canzoni lasciano il posto ad arrangiamenti a cappella, a volte stonati, ma che importa. Si canta "Azzurro" di Celentano, ma anche l’inno di Mameli. Rino Gaetano con “Il cielo è sempre più blu”. Questo pomeriggio. E domani chissà. A Romagnolo, intorno alle 17, Alessandra Salerno farà un concerto - che trasmetterà anche in diretta streaming sulla sua pagina Facebook - direttamente dalla terrazza di casa sua. 

Al Capo un palermitano porta in balcone consolle, casse, luci stroboscopiche e intavola un dj set con musica house e fa ballare tutti i ragazzi della via. Al Borgo Vecchio il proprietario di un bed and breakfast proietta sulla facciata del palazzo di fronte “Tempi moderni” di Charlie Chaplin improvvisando un cineforum per i suoi vicini. A Ballarò un musicista porta fuori in terrazza il suo pianoforte a coda e suona Beethoven. Così, nella Palermo che si barrica a casa, il Coronavirus si esorcizza con un “mi piace” alle idee di chi trasforma la paura in bellezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento