Attualità

Corleone, dopo 70 anni ripristinato un antico sentiero naturalistico

Collegava il centro abitato a Montagna Vecchia abbracciando il territorio delle Cascate delle Due Rocche

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Dopo anni di chiusura, a Corleone torna ad essere fruibile la “Scala del Santissimo Salvatore”, un antico sentiero che collegava il centro abitato a Montagna Vecchia, abbracciando il territorio delle Cascate delle Due Rocche. Per lungo tempo, è stato lasciato in stato di abbandono. Oggi, grazie alla Forestale, è stato nuovamente restituito ai corleonesi e a tutti coloro che amano la natura e le camminate. Partendo dalla strada che costeggia la parte posteriore del monastero del Santissimo Salvatore, il percorso è lungo un chilometro e mezzo ed è completamente immerso nel verde. In certi tratti, inerpicandosi verso l’alto, si ha la sensazione di poter “accarezzare” il costone di roccia che lo sovrasta. Il sentiero arriva sul promontorio che domina, con la sua croce, la città.

Fino agli anni ’50, quando è stata costruita la strada della galleria, questa era l’unica via di comunicazione per i corleonesi che dovevano raggiungere il centro abitato. Per circa 70 anni, il sentiero non è stato più attraversato, diventando il terreno ideale per i rovi e le sterpaglie. Inoltre, sia sulla strada principale che sul sentiero erano state collocate recinzioni. Ora, grazie agli uomini della Forestale, il sentiero è stato interamente ripristinato e ripulito e le reti sono state eliminate. Tra i primi atti dell’Amministrazione in corso, c’è stata la firma di una convenzione tra il Comune e il Dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale, Servizio per il territorio di Palermo, per la gestione e la manutenzione di tante parti del territorio comunale, tra cui l’area delle Cascate delle Due Rocche. Un altro contributo prezioso è dato da un gruppo di giovani del Servizio civile che, per esempio, si sono occupati della pulizia dell’alveo del fiume alle Cascate. “Con la riapertura della Scala del Santissimo Salvatore – dicono il sindaco Nicolò Nicolosi e l’assessore per l’Ambiente Giusy Dragna - ridiamo a Corleone uno dei suoi gioielli storici, antica via di collegamento tra Corleone e Montagna Vecchia. Pienamente inserita, per la parte iniziale, nello splendido scenario delle Due Rocche, rappresentò per centinaia di anni lo sbocco verso quella parte di campagna e di montagna più prossima al centro abitato, territorio principe dell'economia corleonese. Ci auguriamo che questo sentiero susciti l’interesse di quanti amano le passeggiate e i Cammini che attraversano la Sicilia. Consentirà di apprezzare alcuni meravigliosi scorci della nostra città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corleone, dopo 70 anni ripristinato un antico sentiero naturalistico

PalermoToday è in caricamento