Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

Ventennale 11 settembre, il Teatro Massimo ritrasmette il concerto Musica dall'Afghanistan

Questo il modo scelto dalla Fondazione per ricordare l'attentato alle Torri Gemelle. Il sovrintendente Francesco Giambrone: "Vogliamo affermare il diritto inalienabile di praticare e ascoltare liberamente la musica in Afghanistan come nel resto del mondo"

Vent'anni dopo l'attentato alle Torri Gemelle, la Fondazione Teatro Massimo ricorda l’11 settembre ritrasmettendo il concerto "Musica dall'Afghanistan" dell’Ensemble Bakhtar. L'evento, registrato nel 2002, sarà riproposto, on demand, sulla web tv del Teatro, per tutta la giornata di domani.

“Sono passati venti anni e - dice Francesco Giambrone, sovrintendente del Teatro Massimo- la Storia tristemente si ripete. Tra i nostri compiti pensiamo ci sia anche quello di sostenere e difendere i diritti fondamentali e per questo riproponiamo il concerto di musiche afghane dell’Ensemble Bakhtar, per affermare, oggi come allora, il diritto inalienabile di praticare e ascoltare liberamente la musica in Afghanistan come nel resto del mondo”.
 
L’iniziativa fa seguito alle dichiarazioni dell’Anfols (Associazione nazionale delle Fondazioni lirico sinfoniche italiane), di cui Francesco Giambrone è presidente, che aveva espresso proprio pochi giorni fa l’intenzione di programmare nei singoli teatri d’opera che la compongono, manifestazioni concrete in difesa della libertà di espressione e della pratica musicale, per esprimere solidarietà al popolo afghano e per contribuire alla conoscenza e alla promozione della sua straordinaria tradizione musicale.

Il concerto

L’Ensemble Bakhtar, composto da Veronica Doubleday (voce e daireh), John Baily (rubad e dutar), Matthaios Tashourides (lira), Yusuf Mahmood (tabla), si era esibito nella Sala degli Stemmi del Teatro Massimo il 21 e il 22 febbraio del 2002, a conclusione del convegno di studi su “La cultura e i generi musicali afghani: tradizione, attualità e futuro”, organizzato dal Teatro Massimo all’indomani del divieto imposto dai talebani al popolo afghano di praticare e ascoltare musica. Gli atti del convegno erano stati poi pubblicati sulla rivista del Teatro Massimo “Avidi Lumi”, diretta da Sebastiano Giacobello e cui era allegato anche il cd con la registrazione del concerto che sarà possibile ascoltare collegandosi al sito del Teatro Massimo.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ventennale 11 settembre, il Teatro Massimo ritrasmette il concerto Musica dall'Afghanistan

PalermoToday è in caricamento