Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Falsomiele, intitolata strada al sindacalista Mico Geraci: "Ucciso per le sue lotte di legalità" | VIDEO

E' stata intitolata all'esponente della Uil ucciso dalla mafia nel 1998 a Caccamo, la via della Giraffa.

 

Erano presenti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, Giovanni Geraci, figlio di Mico, il segretario generale della Uil e quello regionale, Carmelo Barbagallo e Claudio Barone.

“Mico Geraci – ha detto Orlando – è stato e continua a essere un grande esempio per tutti noi. I nostri partigiani siciliani, infatti sono stati i sindacalisti che hanno pagato con il sacrificio della vita la quotidiana difesa della legalità dei diritti. Oggi, il senso di questa intitolazione è cercare di collegare il ricordo all’impegno e per fare memoria abbiamo scelto la strada di una scuola”.

“Ricordo benissimo l’ultima volta che l’ho visto – ha commentato Barbagallo -, è stato una settimana prima dell’efferato omicidio. Ero preoccupato e gli chiesi cosa potesse succedergli in una realtà come quella di Caccamo, visto il suo forte impegno politico. Lui cercando di tranquillizzarmi mi disse: 'Sono vent’anni che non sparano più'. E dopo vent’anni, invece, spararono uccidendo una persona che meritava di sopravvivere. Oggi onoriamo Mico Geraci con l’impegno”.

Per Claudio Barone è “impossibile dimenticare la sua bravura e la sua carica umana. Mico Geraci ha condotto una battaglia per la trasparenza e contro le infiltrazioni mafiose raccogliendo un forte consenso nel territorio. E’ questo che dobbiamo trasmettere alle giovani generazioni: il ricordo di chi ha saputo impegnarsi per cambiare le cose fino a pagare con la vita”. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento