Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scuola è iniziata ma non per tutti: bambini e ragazzi disabili restano a casa | VIDEO

A una settimana dal suono della campanella e dall'inizio delle lezioni, non è ancora partito il servizio di trasporto dei bambini e ragazzi con disabilità, per cui si attende la copertura finanziaria della Regione e la convenzione con Amat. Oltre 400 studenti sono così costretti a restare a casa. Ma non mancano solo gli appositi pulmini: nelle scuole non è infatti partita l'assistenza igienico-personale e quella all'autonomia e alla comunicazione.

 

Intanto, in una lunga nota divulgata dall'ufficio comunicazione della città metropolitana in merito servizi per gli studenti disabili, a firma di Filippo Spallina, dirigente della direzione Politiche sociali e attività produttive, riguardo al servizio igienico sanitario si legge: "Questa direzione ha inoltrato alcuni mesi fa, a tutti i dirigenti degli Istituti medi superiori della provincia di Palermo, una richiesta di informazione in merito all’esistenza o meno di loro personale dipendente formato e disponibile per garantire il servizio sopracitato. Hanno risposto affermativamente in 26 Istituti". Sono stati così avviati gli atti per garantire il servizio nei restanti istituti. La direzione attenderebbe però di avere la "disponibilità di un esperto dell’Urega" in quanto "due esperti hanno dichiarato la loro incompatibilità ad espletare l’incarico per la gara stessa". 

Per quanto riguarda il trasporto studenti disabili, Spallina precisa: "l'assessorato regionale alla Famiglia ha sollecitato sia la città metropolitana che i liberi consorzi a verificare la disponibilità dei comuni a collaborare per attivare tali servizi. Nell’ambito della provincia di Palermo in tal senso hanno dato la loro disponibilità solo Alimena, Caccamo e Camporeale; il Comune di Prizzi lo effettuerà a titolo gratuito. Per la città di Palermo si sta definendo la possibilità giuridico/amministrativa e la relativa copertura delle necessarie risorse da parte della Regione Sicilia per poter stipulare una convenzione con la società Amat, a tutela degli studenti disabili che frequentano gli Istituti cittadini". In merito al trasporto speciale degli studenti in carrozzina "è in corso di avanzata definizione una specifica collaborazione con una associazione di volontariato". 

Altro punto quello dell'assistenza alla comunicazione all'autonomia. Spallina sottolinea che "si è introdotta la procedura per i predetti servizi dell’accreditamento; richiedendo specifici requisiti e professionalità ed esperienza per quanto concerne l’utilizzo delle figure professionali utilizzate dalle Cooperative stesse. Per tale servizio sono state accreditate otto Cooperative e anche per questo sarà sempre necessaria la copertura finanziaria da parte della Regione siciliana". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento