Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il fascino della Targa Florio Classica: al via anche una Lancia Lambda del 1927 | VIDEO

Appuntamento dal 4 al 7 ottobre con cerimonia di partenza da piazza Verdi alle 18.30. Già oltre 150 gli iscritti, con equipaggi provenienti dai cinque continenti

 

Oltre 150 iscritti, con equipaggi provenienti dai cinque continenti, e una Lancia Lambda del 1927 in gara. Si presenta così l'edizione 2018 della Targa Florio Classica. La città di Palermo, capitale italiana della cultura nel 2018, ancora una volta sarà il fulcro del percorso, che toccherà i luoghi storici e più suggestivi della Sicilia, da sempre tratto distintivo della “Cursa”. Anche per quest'anno, assieme alla Targa Florio, si disputerà il Ferrari Tribute to Targa Florio, uno degli eventi ufficiali della Casa del Cavallino rampante, che coinvolge i clienti di vetture di ogni tempo a partecipare all’impegnativa gara siciliana.

Il programma completo:

Giovedì 4 ottobre alle 18.30 la cerimonia di partenza prenderà il via dalla centralissima piazza Verdi dove verrà allestito il Targa Florio Village: un vero e proprio spazio espositivo che farà da contorno alla magia e alle emozioni della Targa Florio.

Venerdì 5 ottobre la carovana si sposterà da Palermo verso la zona litoranea della provincia trapanese attraversando le storiche saline fino a giungere a Marsala, dove è prevista una pausa alle rinomate Cantine Florio. L’itinerario del ritorno si dirige a Calatafimi, attraversa Monreale per chiudere la giornata nuovamente a Palermo.

Sabato 6 ottobre la Targa solcherà le mitiche strade del parco delle Madonie, che più hanno reso celebre la gara nel corso del suo secolo di vita, a partire dalle storiche tribune e dai vecchi box di “Floriopoli”, passando dal comune di Cerda, dall’antica roccaforte di Caltavuturo in direzione di Castelbuono e le tappe di avvicinamento a Palermo, toccando altri centri indimenticabili come la “perla del Tirreno”, Cefalù.

Domenica 7 ottobre la gara si snoderà nei dintorni di Palermo: da Carini, con l’omonimo castello fortezza medioevale all’Isola delle Femmine, dal nome evocativo ispiratosi a diverse leggende con protagoniste dame imprigionate nell’antica torre dell’isola per espiare peccati o per pagare pegno per un amore non corrisposto.  Dal piccolo borgo marinaro di Mondello, nota meta turistica siciliana, alla rievocazione del Circuito della Favorita (valido per la Targa Florio dal 1937 al 1940) fino al rientro nel cuore di Palermo, con la premiazione alle ore 15.30 presso il “Teatro Massimo”.

Significativa tappa della storia dell’automobilismo, la Targa Florio Classica rievoca la corsa più leggendaria del mondo, connubio di tradizione, cultura ed emozioni forti, distinguendosi per la straordinaria qualità dei luoghi toccati e delle location proposte. Giovedì 4 ottobre i partecipanti saranno ospitati a “Villa Igiea”, suggestiva costruzione neogotica di fine ‘800 poi acquistata dalla famiglia Florio e ristrutturata dall’Architetto Ernesto Basile. Venerdì 5 ottobre la cena verrà offerta alle “Terrazze di Mondello”, punto di ritrovo affacciato sul mare, contraddistinto dallo stile Liberty. E ancora “Villa Tasca” ed il suo parco secolare, uno dei giardini più emblematici del Romanticismo siciliano ottocentesco, accoglierà la cena di sabato 6 ottobre.

Potrebbe Interessarti

  • Palermo, Ficarra innamorato vero: "Mi sono abbonato subito, non me ne frega nulla della serie" | VIDEO

  • Tony Colombo in vacanza a Palermo, accoglienza da rockstar a Mondello | VIDEO

  • I rapinatori di Brancaccio e gli assalti in banca con il taglierino | VIDEO

  • Incendio a Trabia: "I giochi di fuoco si potevano trasformare in una tragedia" | VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento