Liberata la villa del boss "Scarpuzzedda" a Mongerbino, Cinque: "Pronti a demolirla" | VIDEO

Massiccio intervento delle forze dell'ordine pochi giorni dopo il servizio de Le Iene sull'immobile appartenuto al sicario della mafia Giuseppe Greco. Il sindaco di Bagheria: "Restituito un pezzo di costa"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

L'operazione di sgombero forzato dell’immobile confiscato alla mafia è iniziata stamattina. La villa di Mongerbino, appartenuta al sicario della mafia Giuseppe Greco, meglio noto come “Scarpuzzedda”, si trova in via Perez 101. Sul posto sono intervenute polizia, carabinieri, guardia di finanza, capitaneria di porto, vigili del fuoco oltre agli uomini di prefettura, Comune e 15 agenti di polizia municipale, nonché le assistenti sociali, l’Asp e i mezzi del 118. A rilanciare il problema un servizio de Le Iene. 

Il servizio delle Iene | Video

Otto gli appartamenti in cui è ancora in corso lo sgombero dove vivevano i circa 20 occupanti, di cui una donna incinta, 8 minori tra cui una bambina di 2 mesi. Il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque: "Restituito un pezzo di costa ai bagheresi. Ora vedremo il da farsi, per evitare che venga occupato di nuovo"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Ma anziche demolire Perche non date queste case a chi ne ha bisogno?

  • mmmmm..... ma il tipo con il lancia fiamme??? che fine ha fatto??? si sara' mica bruciato da solo???

  • E a Casteldaccia hanno demolito qualcosa?

  • le iene risolvono i problemi, i politici non vedono niente...

  • Bravo, Bravissimo ... tutte le dovete abbattere... TUTTE!!!

  • Per forza per fare queste cose ci vogliono o le iene o striscia la notizia

  • si Metta a,Guardia. il sindaco

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Urla, lacrime e svenimenti: l'uscita della banda delle ossa rotte dalla questura | VIDEO

  • Video

    Banda spaccaossa, i boia dei falsi incidenti parlavano così: "Ho trovato 2 fidanzati..." | VIDEO

  • Video

    "Urlano per il dolore? E allora?": la banda rompeva le gambe senza avere pietà | VIDEO

  • Video

    "A posto, una settimana e sei subito fuori": il clan dei finti incidenti "sfila" in manette | VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento