Indagine partita da una moglie gelosa, tra gli assenteisti coinvolti un dirigente del Pd | VIDEO

Il blitz della Finanza all'assessorato di piazza Ziino: sottoposto all'obbligo di presentazione Toni Costumati. Il colonnello Alessandro Coscarelli, comandante del Gruppo di Palermo, spiega i dettagli dell'operazione: "Coinvolto un dipendente su quattro"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Dove badge e portale informatico non erano bastati per scoraggiare i "furbetti" del cartellino, è bastata la telefonata di una moglie gelosa che sospettava il tradimento da parte del marito. Il resto del lavoro lo hanno fatto i militari della guardia di finanza del Gruppo Palermo, guidati dal comandante Alessandro Coscarelli, che stamattina hanno arrestato all'assessorato regionale alla Sanità 22 persone (metà dei quali finiti ai domiciliari) accusate a vario titolo di truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico e false attestazioni e certificazioni. Tra gli indagati (sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria) anche Toni Costumati, dirigente del Pd siciliano e attualmente consigliere nazionale Acli.

I furbetti dell'assessorato, 11 arresti | I NOMI

Le indagini, tutt'ora in corso, vanno avanti da circa due anni. Tutto ha inizio quando la "moglie sospettosa", temendo un tradimento, decide di telefonare al numero di pronto intervento della guardia di finanza, che raccoglie la segnalazione e dopo i primi approfondimenti si ritrova a fare appostamenti, seguire i segnali gps di auto e moto per trovare le prove. "E' venuto fuori un sistema consolidato in cui erano coinvolti numerosi impiegati dell'Assessorato, da cui invece non è arrivata alcuna segnalazione. In circa un mese sono stati effettuati dei rilevamenti video poi collegati e correlati ai tabulati telefonici. Il duplice sistema di attestazione delle presenze ha mostrato una falla".

42 dipendenti pizzicati dalle telecamere | VIDEO

Secondo investigatori e inquirenti gli indagati avrebbero sottratto alla collettività 400 ore di lavoro pagato con soldi pubblici. Per fare cosa? I fatti propri: la spesa al supermercato, qualche capatina nei negozi o semplicemente accudire qualche familiare a casa. E per fare ciò sfruttavano la collaborazione fra colleghi con cui scambiare i badge o i dati per l’accesso ai pc aziendali. Un'indagine ancora tutta da concludere ma dopo la quale l'assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza si è detto pronto, laddove ne ricorressero i presupposti, ad avviare le procedure per i licenziamenti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (25)

  • indegni

  • licenziateli !

  • Schifosi. avete un lavoro ottimamente retribuito e questo e' il vostro ringraziamento alla collettivita'. poi le cose vanno male e ci si chiede il perche'. LICENZIATELIIIIII !!!!

  • vedrete non succederà niente tutti ai propri posti shifosi

    • Vedi il mio commento su.

  • Nella vita tutto torna. È sempre così. Pensiamo a tutti quelli che appartenevano a certe cose... tutti morti di cancro. Quindi spero che questi indegni rimangano disoccupati senza aiuto dallo stato per come lo sono le persone oneste. Prima o poi arriva per tutti il verdetto finale. Ne sono convinta.

  • Togliere il badge,usare il lettore di impronte digitali

  • Laddove ne ricorressero i presupposti ci saranno licenziamenti ! Più presupposti di così! Cosa si deve fare per essere licenziati!? Mah! Senza parole!

  • Avatar anonimo di Mauro
    Mauro

    Vergogna!!! pagati con i soldi dei cittadini , vi manderei a chiedere l'elemosina [ANIMALI]

  • tra i compiti della Dirigenza vi è quella del controllo delle presenze. Perché non sono stati fatti? Questi Dirigenti e Funzionari dove erano?

    • I dirigenti sono complici,non son ignari dei fatti

    • Concordo in pieno, omessa vigilanza sul personale, la normativa parla chiaro. Assessore ci sei ???

  • Avatar anonimo di Mir
    Mir

    fate schifo vergogna

  • I primi che dovrebbero essere puniti per responsabilità in vigilando venuta meno, sono i dirigenti. Come diceva Confucio "il pesce puzza dalla testa". Assessore se ci sei batti un colpo...

  • Licenziare questi porci è il minimo... Dovrebbero fargli pagare una sanzione da lasciarli in mutande.Fuori c'è gente che per far mangiare la propria famiglia è disposta a fare di tutto spesso è volentieri in nero senza nessun diritto e con paghe misere!!!Vergogna non ci sono parole a zappare nel deserto li manderei in giacca e cravatta

  • Cosa ne penso? beh semplicemente di licenziarli subito e mandarli a pulire vetri agli incroci e senza TFR

  • Un dipendente su quattro? Uno solo?!? Mah...

    • Forse 4 su 1

  • che malcostume, che schifo

  • Avatar anonimo di Ale
    Ale

    Vedete voi se la moglie non era gelosa quanto ancora rubavano lo Stato ....vergogna dovete camminare con la vergogna in faccia.. gente che x comprare un pezzo di pane farebbe qualsiasi cosa .....brava la signora ha fatto bene le faccio i miei complimenti....mi dispiace che abbia un marito senza dignita

    • Avatar anonimo di Max_bello
      Max_bello

      Signora dovrebbe aggiornarsi. Alla fine il marito della signora è risultato completamente estraneo alle accuse di assenteismo.

      • Avatar anonimo di Ale
        Ale

        Signore caro comunque è andata se la signora non chiamava la guardia di finanza i poveri cittadini pagavano  ancora queste bestie 

  • Da licenziare tutti così si toglie il vizietto

  • (S)costumati !!!

    • Non le viene in mente che forse visto trattarsi di un politico abbiamo a che fare con gabinettisti che pur lavorando all'interno di un assessorato non hanno obbligo di presenza perché alle dirette dipendenze dell'assessore e non del dipartimento? Non succederà nulla per molti di loro dovranno solo dimostrare di essere alle dipendenze della politica e non del dipartimento.

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Folla davanti alla caserma: operazione Cupola, l'uscita degli arrestati | VIDEO

  • Video

    I grandi affari della nuova mafia palermitana: le immagini degli incontri spiati dai carabinieri | VIDEO

  • Video

    Incidente in viale Regione, muore motociclista: le immagini dal luogo della tragedia | VIDEO

  • Video

    Il nuovo padrino intercettato: "Di' a tua figlia che fa l'avvocato così fa uscire a tutti dal carcere" | VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento