Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dossier Mef, la protesta dei dipendenti del Comune: "A rischio 3 mila famiglie" | VIDEO

Precari in sit in davanti a Palazzo delle Aquile per chiedere risposte sul loro futuro. A organizzare la manifestazione i sindacati Fp-Cgil, Csa Ral e Uil Fpl. A piazza Pretoria anche gli edili del Coime. "Dietro numeri e parametri contabili, c'è la vita reale di uomini e donne"

 

Nel giorno dell'audizione del sindaco Leoluca Orlando in Consiglio comunale sui rilievi mossi dal Mef, sit in dei dipendenti comunali davanti a Palazzo delle Aquile. A organizzarlo i sindacati Fp-Cgil, Csa Ral e Uil Fpl, che lanciano l'allarme precari: "A rischio - dicono - ci sono 3 mila famiglie". In piazza anche i dipendenti del Coime. 

Dossier Mef, Orlando attacca gli ispettori: "Clima terroristico contro il Comune“

"Dobbiamo constatare constatare - scrivono i sindacalisti Lillo Sanfratello della Cgil, Ilioneo Martinez e Totò Sampino della Uil, e Nicola Scaglione del Csa - che la questione della verifica contabile del Mef al Comune di Palermo, rischia di generare danni irreversibili, sia sui servizi resi ai cittadini, ma soprattutto sul futuro di tutti i dipendenti comunali".

Per i sindacati non si possono mettere in discussione diritti acquisiti dopo anni di lotta. "Non volendo commentare le scelte tecniche del Ragioniere Generale dello Stato - aggiungono i tre sindacalisti - l'assoluta mancanza di sensibilità dei tecnici della ragioneria generale dello Stato verso la città di Palermo. Al di là dei numeri e del rispetto di alcuni parametri contabili, la questione attiene alla vita concreta e reale di uomini e donne che hanno fondato la loro esistenza nella società su un lavoro, anche precario, che ha garantito fino ad oggi i servizi alla città, oltre alla tenuta sociale della comunità palermitana".

Per quanto riguarda il Coime, i sindacati degli edili Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil hanno chiesto al sindaco Orlando e ai capigruppo di essere ricevuti prima della seduta d'Aula di oggi. "Risulta incomprensibile e inaccettabile che il Mef consideri eccedenti i lavoratori del Coime e ritenga anomala l’applicazione del contratto dell’edilizia". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento