Il mistero di Ninfa, la bimba mummificata dimenticata in un baule ai Rotoli | VIDEO

E' stata scoperta per caso dal direttore del cimitero, Cosimo De Roberto, durante una verifica dell'impianto elettrico. Intorno alla sua storia aleggia il mistero.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Una coroncina di rose a cingerle il capo, un abito prezioso sigillo di un passato su cui al momento è possibile solo fare ipotesi, lo stralcio di un biglietto scritto a penna che reca il nome di San Prospero e una data, 25 settembre 1977. E poi c'è lei, la protagonista di una storia di cui nessuno fino a pochi giorni fa si era curato. Ninfa, la mummia bambina, scoperta per caso in quel piccolo e antico baule in legno, abbandonato per quasi vent'anni nel magazzino ricavato dalla Sala Bonanno, al cimitero di Santa Maria dei Rotoli. 

A lei, il direttore del camposanto di via Papa Sergio, scopritore suo malgrado del corpicino durante una verifica dell'impianto elettrico, ha voluto dare il nome di una delle quattro sante patrone di Palermo. Ci sono tutti gli indizi dei migliori gialli di Agatha Christie. Lo scenario, però, non è quello di un romanzo criminale d'oltralpe ma il sepolcreto tra le pendici di Monte Pellegrino e il mare di Vergine Maria.

Un alone di mistero avvolge la storia della piccola, arrivata chissà da dove e finita appena varcata la soglia del luogo del riposo eterno. Portata lì nel 1999 dall'ex parroco del cimitero, padre Calafiore e mai registrata. Da adesso, la piccola Ninfa, finalmente svelata al mondo, aspetta che occhi esperti facciano luce sulla sua storia, certamente più lunga e intricata dei pochi anni che la vita le ha concesso. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • incredibile ma vero!

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    A me sembra una farsa perché la coroncina di rose è troppo nuova per essere li da tanti anni ed anche i vestiti non possono essere ancora in uno stato discreto,soprattutto perché il corpo è chiuso in un baule e quindi un contatto con agenti atmosferici non può conservarsi così bene. E poi, come mai in tutti questi anni nessuno ha mai avuto la curiosità di aprirlo? Maaaaa io ho molti dubbi!

    • Avatar anonimo di marisa Bottallo
      marisa Bottallo

      Pure a me molto strano sia mai stato aperto per controllare ma sa di bufala 

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Urla, lacrime e svenimenti: l'uscita della banda delle ossa rotte dalla questura | VIDEO

  • Video

    Banda spaccaossa, i boia dei falsi incidenti parlavano così: "Ho trovato 2 fidanzati..." | VIDEO

  • Video

    "Urlano per il dolore? E allora?": la banda rompeva le gambe senza avere pietà | VIDEO

  • Video

    "A posto, una settimana e sei subito fuori": il clan dei finti incidenti "sfila" in manette | VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento