Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Università: nel 2019 un nuovo logo, un museo e la laurea ad Alberto Angela | VIDEO

Sarà un anno pieno di incontri, mostre, inaugurazioni e restauri quello dell'Università palermitana. Le iniziative sono state presentate allo Steri dal rettore Micari: "Vogliamo disseminare cultura"

 

Mostre, incontri ed eventi istituzionali. Sarà un 2019 ricco di iniziative culturali quello che il rettore Fabrizio Micari ha presentato questa mattina allo Steri. 

Il logo UniPa 2019

Il nuovo logo “UniPa 2019” è un omaggio ai cinquant’anni dalla missione “Apollo 11”, lo sbarco dell’uomo sulla luna. Un avvenimento storico che includeva tante promesse di progresso e che si è trasformato nel simbolo identificativo di riferimento delle attività del 2019. La scia del modulo di comando in orbita attorno alla Luna, stilizzato in forma “minimal”, riporta i colori delle Scuole dell’Ateneo. Ogni mese del calendario UniPa 2019 celebra un importante anniversario di grandi avvenimenti e di grandi donne e uomini che hanno cambiato la storia (gennaio: 90 anni dalla nascita di Anna Frank a febbraio: 90 anni dalla nascita di Martin Luther King a marzo: 280 anni dalla nascita di Bernardino da Ucria ad aprile: 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci a maggio: 80 anni dalla nascita di Giovanni Falcone a giugno: 110 anni dalla nascita di Rita Levi-Montalcini a luglio: 50 anni dalla Missione Apollo 11 ad agosto: 50 anni dal concerto di Woodstock a settembre: 160 anni dal raggiungimento di quota mille iscritti ad UniPa a ottobre: 60 anni dal Premio Nobel a Emilio Segrè a novembre: 30 anni dal crollo del Muro di Berlino a dicembre: 50 anni dall’entrata in vigore della Legge Codignola).

Fondazione Steri

Il Progetto “Fondazione Steri” ha l’obiettivo di tutelare, gestire e valorizzare lo straordinario patrimonio museale, culturale e scientifico dell’Università di Palermo, inclusi l’Orto Botanico, i Musei, le Collezioni e lo stesso Complesso Monumentale dello Steri. La Fondazione deve, di fatto, diventare il braccio culturale dell’Ateneo, assorbendo parte delle attività connesse alla disseminazione culturale ed alla Terza Missione dell’Università. In tal modo si attua il percorso avviato, all’inizio del 2017, con la creazione del Centro Servizi del Sistema Museale di Ateneo  al quale, non a caso, è stata conferita autonomia dal punto di vista amministrativo e gestionale. Con l’intensa attività culturale svolta, l’enorme numero di manifestazioni organizzate all’Orto Botanico e negli altri siti museali ed espositivi il Sistema Museale UniPa è indubbiamente protagonista della vita culturale della Città. È questo il solco in cui dovrà muoversi la Fondazione Steri, per valorizzare quanto già realizzato e conferire ulteriore efficienza, proprio grazie alla sua specificità. La Fondazione dovrà concorrere a definire l’identità culturale di UniPa e a supportarne in modo innovativo l’esercizio della terza missione, ovvero l’azione di disseminazione educativa e culturale nella società e nel territorio.

Le mostre

Il "museo" d'Ateneo si veste di numerose mostre che prenderanno vita nel corso di tutto l'anno accademico. La mostra “Januzs Korzack e i diritti fondamentali dei bambini” nella Sala delle Armi alo Steri tra gennaio e febbraio. “I giovani ricordano la Shoah” nella Sala delle Verifiche dello Steri sempre tra gennaio e febbraio. Mostra dedicata ai marmi siciliani al museo Gemmellaro a maggio. E ancora quella dedicata agli arazzi figurati del barocco siciliano nella Sala delle Verifiche, in collaborazione con Palazzo Abatellis a maggio. Tra i punti cardine l'esposizione dedicata alla famiglia Chiaramonte nel Complesso Monumentale dello Steri che da essa prende il nome, nella Sala delle Armi e nella Chiesa Sant'Antonio Abate da settembre a gennaio 2020. Una mostra dedicata ai cento anni del progetto di Ernesto Basile per Montecitorio all'Orto botanico a maggio; una dedicata a ceramiche, disegni e dipinti di Giovanni De Simone all'Orto botanico tra marzo e aprile e quella dedicata agli insetti “Coleotteri” sempre all'Orto botanico tra maggio e giugno. 

Restauri e inaugurazioni

Sarà un anno dedicato anche alla rifinitura dei lavori di restauro e all'inaugurazione di nuove strutture. In particolare, il restauro del soffitto ligneo della Sala Magna dello Steri, l'apertura del Giardino Trecentesco dello Steri; l'inaugurazione della nuova Aula Magna dell'ex Convento di Sant’Antonino e del Museo Etnoantropologico “Buttitta” al mulino sempre nell'ex Convento di Sant’Antonino. Non per ultima, l'inaugurazione del Museo dell'Università, che il rettore Micari sogna ormai da tempo. 

Eventi istituzionali 

Tra gli eventi che meritano una menzione, le lauree Honoris Causa a Ferzan Ozpetek, Alberto Angela e Moni Ovadia a maggio. Il Welcome Week – l’appuntamento dedicato agli studenti, le loro famiglie, e gli insegnanti delle Scuole Secondarie di 2° grado per orientarli nella scelta del percorso universitario, per presentare l’offerta formativa ed i servizi messi a disposizione degli studenti. E ancora, il Graduation Day - la giornata per festeggiare i laureati magistrali nei luoghi più importanti e suggestivi della città e la consueta inaugurazione dell'anno accademico. 

Orto botanico

Tra gli eventi nel "Giardino" dell'Università, l'inaugurazione della Vigna del Gallo, in cui saranno coltivate in regime di agricoltura biologia le varietà autoctone siciliane, a febbraio. Zagara di primavera nel mese di marzo. L'Earth Day 2019, Giornata Mondiale della Terra a aprile 2019. E ancora, la Serra delle Farfalle ad aprile, "Una Marina di Libri" a giugno e la "Fiera della biodiversità alimentare del Mediterraneo" a settembre. Spazio a ottobre a Zagara d’Autunno e poi all'inaugurazione della caffetteria dell’Orto botanico. Infine, l'allestimento artistico nella portineria dell’Orto botanico del collettivo artistico di Los Angeles Fallen Fruit composto da David Burns e Austin Young. 

Eventi culturali 

Giorno della memoria a gennaio, Esperienza Insegna a febbraio. Commemorazioni per le stragi del 1992 a maggio; la settimana delle biblioteche, a maggio. E ancora "Le Voci dei libri" fino a giugno. Appuntamento immancabile quello con "Le Vie dei Tesori": gli studenti di diversi corsi di studio saranno impegnati nel percorso di Vie dei Tesori, facendo così un’importante esperienza lavorativa nel campo della divulgazione culturale. Il progetto prevedrebbe per Le Vie dei Tesori un impegno costante a fare una serie di restauri e di valorizzazioni di beni dell'Ateneo che saranno individuati di anno in anno. Tra maggio e novembre spazio al Festival dell’Ingegno; tra settembre e ottobre  Start Cup Palermo; a ottobre il Festival delle Letterature migranti e infine, a novembre, non mancheranno le iniziative contro la violenza sulle donne. 

Potrebbe Interessarti

  • Palermo, Ficarra innamorato vero: "Mi sono abbonato subito, non me ne frega nulla della serie" | VIDEO

  • Gettano rifiuti fuori orario ma sbuca il vicesindaco (anche all'una di notte), multe a gogò | VIDEO

  • I rapinatori di Brancaccio e gli assalti in banca con il taglierino | VIDEO

  • Incendio a Trabia: "I giochi di fuoco si potevano trasformare in una tragedia" | VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento