La polizia fa festa al Teatro del Sole, il questore ai giovani: "Don Pino Puglisi vive in voi" | VIDEO

Sotto il caldo sole di Acqua dei Corsari e le bandierine di centinaia di bambini delle scuole di Brancaccio, è andato in scena il 167esimo anniversario della polizia durante il quale sono stati premiati alcuni agenti. Tra questi Manfredi Borsellino, il figlio del giudice Paolo

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Le aquile dorate impresse sui berretti ogni giorno in volo per la città si perdono, per un momento, nel blu del mare di Acqua dei Corsari mentre i bambini sventolano a festa le bandierine che celebrano quel corpo che da 167 anni vive nello spirito che anima lo slogan "Esserci sempre". Le note della banda accompagnano la marcia dei poliziotti che per essersi distinti per coraggio in servizio, sono premiati con speciali onorificenze, tra tutti Manfredi Borsellino, figlio del giudice Paolo: riceve un encomio solenne per una indagine di polizia giudiziaria che culminò con l'arresto di un funzionario regionale per corruzione. Un lungo applauso accompagna il lancio di un agente da un elicottero nella dimostrazione di un salvataggio in mare e le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel suo commosso ricordo di quanti hanno perso la vita nell'assolvimento del dovere. 

Sotto un caldo sole, reso ancora più intenso dai tanti piccoli abitanti quartiere che ha dato i natali a don Pino Puglisi, tra i gradoni del Teatro del Sole e in quel parco recentemente intitolato a Libero Grassi, si è animato l'anniversario della fondazione della polizia. Tanti i giovani che hanno preso parte alla giornata, a suggello di un percorso di legalità e di vicinanza alla cittadinanza, soprattutto nelle periferie che nel corso della storia sono state connotate da più consistenti sacche di disagio sociale. 

"La cosa migliore per dimostrare di 'esserci sempre' - ha detto il questore Renato Cortese - è uscire dal centro del nostro ufficio. Vogliamo dire ai ragazzi di ribellarsi alla mafia perché nel farlo ci siamo comunque sempre anche noi. Siamo qui nel ricordo di don Pino Puglisi, ucciso da vile mano mafiosa. Sono qui per dire che non è morto ma vive nella presenza di questi giovani". "Grazie al lavoro di tutti - commenta il sindaco Leoluca Orlando - e in primo luogo della polizia, Palermo può vantare di essere considerata la città più sicura d'Italia. Essere qui è il modo migliore per rendere onore a chi ha dato la vita per la nostra comunità". Il primo cittadino nei giorni scorsi ha ricevuto a Villa Niscemi l'associazione nazionale polizia di Stato (nella foto in basso) alla quale ha conferito la pergamena "Tessere preziosa mosaico Palermo": Attraverso il richiamo della legalità aiuta ad avere cura di chi è più debole piuttosto che ad avere paura. Oggi il rischio è che si passi dall'avere cura all'avere paura di chi ha meno di noi, di chi è diverso da noi”.  

polizia tessera preziosa-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Urla, lacrime e svenimenti: l'uscita della banda delle ossa rotte dalla questura | VIDEO

  • Video

    Banda spaccaossa, i boia dei falsi incidenti parlavano così: "Ho trovato 2 fidanzati..." | VIDEO

  • Video

    "Urlano per il dolore? E allora?": la banda rompeva le gambe senza avere pietà | VIDEO

  • Video

    Il racconto dell'orrore: "Faccia girata e occhi chiusi, poi mi hanno spaccato piede e braccio" | VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento