Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al sole per troppo tempo e denutrito: il fenicottero rosa avvistato a Balestrate rischia di morire | VIDEO

E' stato ricoverato al Centro recupero fauna selvatica di Ficuzza dove i veterinari stanno cercando di fare il possibile per salvarlo

 

Dopo il suo avvistamento è stato accolto come una star. Ora il fenicottero rosa che ha incantato i numerosi bagnanti tra Balestrate e Trappeto rischia la vita a causa della denutrizione e della disidratazione. L'esemplare di Phoenicopterus roseus Pallas trovato a passeggiare sulla battigia si trova adesso ricoverato al Centro recupero fauna selvatica di Ficuzza dove i veterinari stanno cercando di fare il possibile per salvarlo.

Ieri alcuni residenti di Trappeto lo hanno visto mentre annaspava in acqua. Poi sono intervenuti Adriana A. e Daniele V., che fanno parte del personale del lido Ciammarita, che lo hanno tratto in salvo e riportato sulla terra ferma. Successivamente è stato affidato agli uomini del corpo forestale che lo hanno trasferito a Ficuzza. "Stiamo cercando di mantenerlo in vita. L'animale - spiega a PalermoToday Giovanni Giardina, responsabile della struttura - è stato esposto al sole per troppo tempo e ha una sospetta distorsione a una delle ali".

Secondo gli esperti l'uccello acquatico potrebbe essersi fatto male durante la migrazione restando poi da solo. "Probabilmente si trattava di un gruppo di giovani fenicotteri - aggiunge Giardina - e lui si è sganciato dallo stormo. Normalmente, se trova un luogo silenzioso e privo di elementi di disturbo, il gruppo torna indietro per recuperarlo". Se dopo le prime cure i veterinari otterranno i risultati sperati, per il fenicottero rosa potrebbe rendersi necessaria una lunga degenza prima di rimetterlo in libertà.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento