Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giochi e acrobazie sotto il Trionfo della Musica, "L'elisir d'amore" al Teatro Massimo | VIDEO

Debutto per l'opera di Gaetano Donizetti nell’allestimento scenico ispirato al ciclo di quadri “El circo” di Fernando Botero

 

Uno spettacolo di Gaetano Donizetti con la regia e le scene di Victor García Sierra e i costumi di Marco Guyon, con le luci curate da Bruno Ciulli (allestimento di Nausica Opera International). In scena Laura Giordano, effervescente Adina, tornata per un nuovo successo sul palcoscenico del Teatro Massimo dopo l’entusiasmo suscitato con I puritani di Bellini ad aprile, Arturo Chacón-Cruz, Nemorino che sa muoversi tra comicità e passione, che al Teatro Massimo era già stato Don José in Carmen nel 2016, Giuseppe Altomare, divertente Belcore oggetto delle attenzioni di tutte le donne del villaggio, Giovanni Romeo, Dulcamara che distribuisce zibibbo in bicicletta e mongolfiera, e Maria Francesca Mazzara, una Giannetta sempre presente a commentare divertita. Con l’intervento di Circ’opificio, Orchestra e Coro del Teatro Massimo, Maestro del Coro Piero Monti.

Sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo Alessandro d’Agostini, che dal debutto nel 2002 con Guglielmo Tell di Rossini ha approfondito lo studio del repertorio belcantistico italiano, dirigendo tutti i principali titoli operistici, da Orfeo ed Euridice di Gluck fino ai grandi melodrammi verdiani, affiancando all’attività direttoriale anche quella di ricercatore musicale; in questa doppia veste ha collaborato alle riprese moderne di numerose opere del Settecento.

La storia d’amore del timido e goffo Nemorino per la bella Adina, corteggiata anche dallo spavaldo sergente Belcore, si complica quando in paese giunge il ciarlatano Dulcamara, che propone a Nemorino un magico elisir d’amore (in realtà del semplice vino). Arruolatosi per procacciarsi i soldi necessari ad acquistare l’elisir, Nemorino finirà per scoprire che Adina lo ama, e tutti si convinceranno dell’efficacia del magico elisir.

Victor García Sierra, regista dello spettacolo, è anche cantante con una ricca carriera nella quale diverse volte ha interpretato il ruolo di Dulcamara. Osservando i quadri di Botero, è rimasto colpito dalla corrispondenza tra alcuni personaggi dell’Elisir d’amore e quelli dei quadri della serie “El circo”. Il mondo colorato e ottimistico di Botero ha trovato quindi una risonanza nella musica effervescente dell’Elisir di Donizetti. Belcore diventa un domatore di leoni, Nemorino un clown, che fa ridere ma anche intenerisce, Adina legge non un libro, ma le carte… L’arrivo del circo nel villaggio stravolge e modifica le vite di tutti i personaggi, così come nell’opera di Donizetti succede con l’arrivo dei militari.

Si replica il 20, il 22 e il 24 giugno. Biglietti da 125 a 15 euro. La biglietteria è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento