Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Zen, cede il soffitto della scuola Sciascia: "Bimbi salvi per miracolo, siamo abbandonati" | VIDEO

Illesi gli alunni che, per un caso, erano usciti in anticipo. Al via i doppi turni. Esplode la rabbia di docenti e genitori

 

Genitori e docenti insieme per chiedere un intervento immediato da parte dell'amministrazione comunale alla scuola dell'infanzia ed elementare Leonardo Sciascia di via Adamo Smith allo Zen, dove due giorni fa si è verificato il cedimento di una parte del soffitto del corridoio del primo piano. Non ci sono stati feriti perché, solo per un puro caso, i bambini erano usciti in anticipo.

I tecnici del Comune sono intervenuti ieri mattina per mettere in sicurezza l'area ma insegnanti, genitori e rappresentanti di istituto chiedono a gran voce un intervento strutturale complessivo. Questa mattina le stesse mamme, impaurite per l'incolumità dei figli, hanno impedito ai loro bambini di entrare in classe, chiamando anche due pattuglie della polizia per denunciare i disagi. Il crollo, infatti, ha interdetto una parte dell'istituto nello stesso corridoio in cui da molto tempo ormai è chiusa anche un'ala composta da sei classi. Ciò costringe circa 200 bambini a utilizzare soltanto due bagni. Già da oggi partiranno i doppi turni per garantire a tutti i bambini il diritto allo studio, ma le mamme non ci stanno: "I nostri figli hanno paura in questo quartiere a uscire col buio". 

Una situazione, questa, che va ad aggiungersi a una già precaria che va avanti da molto tempo ormai. Sulla porta della palestra si legge la scritta "lavori in corso" ormai da anni. Il tempo del teatro si è fermato a una recita, quella di Peter Pan, avvenuta quasi dieci anni fa, prima che la struttura venisse considerata inagibile.

Alla rabbia delle mamme dei piccoli che già vivono in un contesto difficile, si unisce anche il coro dei docenti preoccupati per la sicurezza di tutti. La responsabile del plesso: "Un bambino giorni fa mi ha detto che aveva un sogno, quello di diventare un ingegnere per costruire una scuola bella per il suo quartiere. Riuscirà mai a inseguire questo sogno? A questi piccoli vengono tarpate le ali". Alcune mamme: "Siamo considerati cittadini di serie b, un vero cancro. Noi siamo persone perbene. Siamo stati abbandonati solo perché la nosta scuola non si chiama Giovanni Falcone. Il sindaco manderebbe suo figlio a scuola in queste condizioni?". 

Potrebbe Interessarti

  • La riunione dei boss sul gommone davanti a Mondello: "Siamo i re di Palermo" | VIDEO

  • Tragedia in autostrada: su Facebook il giallo del video girato dal papà prima dello schianto

  • Mafia, il ritorno degli "scappati": blitz di polizia e Fbi, l'uscita degli arrestati | VIDEO

  • Mafia, i boss cercano nuovi equilibri tra Palermo e gli Usa: "Se Bontate restava vivo..."| VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento