Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Biagio Conte a spasso per l'Europa: "Lascio Palermo, mi sento profondamente umiliato" | VIDEO

Il fondatore della Missione Speranza e carità ha lasciato la città imbarcandosi sul traghetto per Genova, poi continuerà a piedi: "In preghiera e penitenza mi recherò al Parlamento Europeo"

 

Biagio Conte, il fondatore della Missione Speranza e carità che a Palermo accoglie gli ultimi, ha lasciato ieri sera la città imbarcandosi sul traghetto che lo condurrà a Genova. "Profondamente umiliato e tristemente sofferente, mi preparo ad andare via dall'Italia come un esiliato. Come cittadino italiano anch'io mi faccio e mi rendo un'emigrante, come lo sono i tanti che ancora oggi continuano ad andare via" ha detto.

Vivrà l'esperienza di un emigrante italiano che diventa immigrato nei Paesi stranieri. Attraverserà Milano, la Svizzera, la Germania e il Belgio, per portare "il prezioso messaggio di pace e di speranza affinché si possano scuotere le dure coscienze, aprire i cuori duri, le contorte menti di tanti uomini e donne che ancora oggi sono lontani dalla verità, dalla giustizia e dalla pace".

"Non accetto le ingiustizie e la divisione dei popoli, l'intolleranza e le discriminazioni. Spero in un mondo migliore affinché ognuno di noi possa contribuire ad essere costruttore di vera giustizia e di vera pace", ha scritto fratel Biagio in un messaggio rivolto ai religiosi, alle famiglie, ai volontari, ai benefattori, alle istituzioni, alle forze dell'ordine, ai giornalisti e alle associazioni. Un'esperienza di "straniero in terra straniera" per essere solidale con "i tanti fratelli e sorelle emigranti e con i tantissimi fratelli e sorelle immigrati di tutto il mondo. Prenderò anch'io la barca, il traghetto come gli emigranti del passato e gli immigrati di oggi". Da Palermo fino a Genova e poi continuerà a piedi "in preghiera e penitenza" fino al confine con l'Europa, "portando nel cuore e per iscritto i veri diritti umani e il vero umanesimo".

"Attraverserò nuovamente la Liguria e la Lombardia - scrive il missionario laico -, passando dal Duomo di Milano dove dedicherò una preghiera per tutti i popoli, per l'uguaglianza, la pace, la speranza e per una vera fratellanza. Poi a piedi entrerò in Europa, mi recherò al Parlamento Europeo comunicando il prezioso dovere e impegno nel costruire la tanto attesa Unione europea per costruire tutti insieme un mondo migliore nel rispetto di tutti gli esseri umani, dell'ambiente e della natura".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento