Ventura, De Biasi e quel passato in Sicilia: premiati i due ct

Gli allenatori di Italia e Albania sono stati premiati dall'Ussi a margine delle rispettive conferenze stampa prepartita: hanno ricevuto una targa per i loro trascorsi sui campi siciliani

Filippo Mulè, Gian Piero Ventura e Marta Mulè

I commissari tecnici di Italia e Albania Gian Piero Ventura e Gianni De Biasi sono stati premiati ieri pomeriggio dall’Ussi a margine delle rispettive conferenze stampa prepartita di Italia-Albania. I due allenatori hanno ricevuto una targa per i loro trascorsi sui campi siciliani. Da allenatore e giocatore il primo e da giocatore il secondo. A consegnare i premi ai due commissari tecnici sono stati il giornalista Filippo Mulè e la figlia Marta in rappresentanza della sezione di Palermo dell’Ussi che da oggi è intitolata alla collega Cristiana Matano, già presidentessa del gruppo palermitano di specializzazione dei giornalisti sportivi, moglie di Filippo e madre di Marta, scomparsa nel 2015. 

Il primo contatto di Gian Piero Ventura con i campi siciliani risale al 1970. Da calciatore dell’Enna colleziona nove presenze in campionato. Ma è Giarre nel 1992, la sua prima esperienza in panchina in Sicilia, a fargli capire che da grande avrebbe fatto l’allenatore. Ventura porta il Giarre fino al quarto posto del campionato di serie C1 alle spalle di Palermo, Perugia e Acireale. Il commissario tecnico azzurro ha guidato anche il Messina in A subentrando a Bortolo Mutti nella stagione 2005/2006.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stadio della Favorita, oggi “Barbera”, è stata la casa di Gianni De Biasi per tre stagioni fra il 1983 e il 1986. Con la maglia del Palermo in serie B l’attuale commissario tecnico dell’Albania ha giocato 105 partite realizzando sette gol. L’avventura palermitana finisce in modo traumatico certamente non per sua volontà, bensì perché la squadra rosanero fallì e fu cancellata dal campionato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

Torna su
PalermoToday è in caricamento