Trofeo Nicola Ferrante: "Un vero successo la seconda edizione"

Trofeo Nicola Ferrante: un vero successo la seconda edizione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Un successo che è andato ben oltre le aspettative, quello della seconda edizione del Trofeo di Nuoto Nicola Ferrante che si è concluso ieri sera alla Piscina Olimpica di Palermo. Previsto in calendario quest’anno come appuntamento immediatamente successivo agli Assoluti di Riccione, il Trofeo è stata l’occasione perfetta per mettere in mostra i talenti isolani, con i tempi interessanti fatti segnare ad esempio da Mario Bossone e Roberto Barcellona, della Polisportiva Mimmo Ferrito (che bissato il successo del 2018); ma è stata anche un’opportunità da non perdere per mettersi a confronto con atleti del giro della Nazionale, come la numero due del nuoto italiano, Erika Ferraioli, che con Giada Galizi, Matteo Milli, Simone Gazzotti, Pier Andrea Matteazzi, Alessandro Pinzuti, Lisa Angiolini, Natalia Foffi e Fabio Lombini sono stati il punto di riferimento per tutti gli altri nuotatori in gara. Al di là degli aspetti meramente agonistici, la manifestazione organizzata dalla Polisportiva Nadir ASD e dall’ASD Nuotatori Palermo 2000 ha visto la partecipazione di un pubblico numerosissimo, che ha gremito la tribuna della struttura comunale nei tre giorni di gare.

Un bel biglietto da visita per la città, che ha accolto i 737 atleti delle categorie Esordienti e Assoluti, accompagnati dai propri famigliari, dai dirigenti e dallo staff tecnico delle 31 società da Italia, Francia e Romania: «Segno della fame di eventi sportivi di alto livello che hanno i palermitani», sottolinea Giuseppe Morici, Presidente Polisportiva Nadir ASD. L’impianto di viale del Fante si è fatto trovare pronto all’invasione colorata, tanto che già si pensa alla terza edizione del Trofeo per il 2020: «Abbiamo già diverse idee per rendere ancora più appetibile l’appuntamento del prossimo anno – afferma Morici -. Innanzitutto, stiamo già concordando con la Federazione la calendarizzazione nel momento migliore dell’anno: puntiamo a diventare una delle tappe fondamentali di preparazione in vista della stagione estiva, in modo da attirare sempre più nuotatori di altissimo livello, sia italiani che stranieri, e far crescere così ulteriormente la voglia del pubblico palermitano di toccare con mano il nuoto internazionale che conta».

Legata a questo ambizioso obiettivo, è la necessità di rinunciare alle gare delle categorie Esordienti, per snellire le procedure e trasformare il Trofeo in un appuntamento imperdibile per gli Assoluti. Sotto i riflettori di tutto il mondo natatorio italiano, e non solo, è stata in queste tre giornate l’Olimpica di Palermo, fiore all’occhiello del capoluogo siciliano. Una struttura, oltre che una macchina organizzativa, che fa invidia a molti: «Il Trofeo Ferrante è una vetrina fantastica. Ci sono già arrivate un paio di richieste per ospitare qui alcuni importanti collegiali – svela Morici -. L’accoglienza che con l’Amministrazione Comunale siamo riusciti a mettere in piedi ha ricevuto feedback più che positivi da parte di tutte le società in gara. In particolare, la stessa Giada Galizi ha avanzato una proposta per la preparazione ai Mondiali: poter usufruire dell’impianto palermitano, organizzando un collegiale che potrebbe essere sfruttato anche da atleti e tecnici siciliani come ottimo momento di confronto per proseguire il percorso di miglioramento intrapreso dal nuoto isolano».

Torna su
PalermoToday è in caricamento