Dal Mauto di Torino al Giro di Sicilia: sulle strade siciliane la leggendaria Cisitalia 202 Smm Nuvolari

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Dopo aver ospitato sulle mitiche strade della rievocazione storica del Giro di Sicilia 2018, l’unico esemplare al mondo di Alfa Romeo RL TF del 1924, oggi di proprietà dell’italo-americano Venanzio Fonte, il sodalizio palermitano federato Asi più antico di Sicilia, Veteran Car Club Panormus (presieduto da Antonino Auccello) rincara la dose, spalancando le porte dell’ospitalità alla leggendaria vettura Cisitalia 202 SMM Spyder Nuvolari, modello che nell’edizione del 1947 della Mille Miglia, vide protagonista alla guida il “Mantovano Volante” Tazio Nuvolari, che infine, riuscì a conquistare il primo posto di categoria e il secondo assoluto, dietro all’Alfa Romeo 8C 2900B di Clemente Biondetti. Tra il 1947 e il 1948 furono costruiti una ventina di esemplari, quello del MAUTO (Museo Nazionale dell’Automobile di Torino) è uno dei 10 considerati tuttora esistenti.

In base alle ricerche effettuate dal Centro di Documentazione del Mauto, la vettura fu acquistata dal notaio Federico Andreini nel 1947, anno di produzione e, da lui portata in Argentina dove, dal 1947 al 1952, partecipò a numerose gare nazionali. Nel 1986 la vettura venne venduta al Signor Enrique, che la sottopose ad un primo intervento di restauro nelle parti meccaniche e ne cambiò il colore – dall’originale colore rosso alla livrea argento – per partecipare al “Rally de Las Cumbres” a Cordoba (Argentina) e alla 1000 Miglia del 1987. Alla fine degli Anni Ottanta venne acquistata da un privato americano e restaurata nella carrozzeria, tappezzeria e meccanica. Poi, nel 1996 venne riportata in Italia per entrare a far parte della collezione del Museo. Il Mauto, che incorpora i valori della storia e della passione per l’automobile in tutti i suoi aspetti, ha l’obiettivo di diffondere i valori storici e culturali a livello nazionale ed internazionale, infatti, dopo la recente partecipazione alla Mille Miglia, la prestigiosa e leggendaria vettura farà tappa anche in Sicilia, dove prenderà il via della XXIX rievocazione storica internazionale del Giro di Sicilia, gara voluta da Don Vincenzo Florio nel 1912. A condurla sulle mitiche strade siciliane, teatro di memorabili battaglie del Giro di Sicilia di velocità, sarà Ermanno De Angelis, volto noto del motorismo storico (conduttore del programma televisivo di successo dedicato, Gentleman Driver e autore della grande informazione di Adrenaline 24h. Al suo fianco in veste di co-driver, la gradita presenza del Direttore del MAUTO, la Dott. Mariella Mengozzi.

L’iniziativa di riportare sulle strade delle rievocazioni storiche internazionali la Cisitalia 202 SMM “Spyder Nuvolari, è stata realizzata in collaborazione con Adrenaline 24h, con il supporto di Eni Agip Novecento. Siamo bel lieti ed orgogliosi di ospitare sulle strade del Giro di Sicilia, la leggendaria vettura che nel 1947, ha visto alla guida il grande ed indimenticato pilota Tazio Nuvolari, che ha scritto le più belle ed eroiche pagine di storia dell’automobilismo mondiale. Con lo stesso sentimento un doveroso ringraziamento va al Presidente dell’Ente museale, il Dott. Benedetto Camerana, ed in egual maniera, al Direttore, la Dott. Mengozzi, che ci onorerà con la Sua preziosa presenza. Le Nostre porte dell’ospitalità sono spalancate, per trascorrere insieme bei momenti di sport e cultura lungo le strade del Giro di Sicilia – queste le parole del Presidente del sodalizio organizzatore “Veteran Car Club Panormus”, Antonino Auccello. Ritornando alla grande storia di uomini e vetture iconiche degli anni ‘940, il progetto della Cisitalia fu affidato alla direzione dell’Ingegnere Giovanni Savonuzzi, e la vettura, basata sulla Cisitalia 202 di cui condivideva il telaio a traliccio, fu progettata attorno al motore FIAT, un 4 cilindri in linea da 1.089 cm³ e 75 CV, derivato da quello della Fiat 1100.

Perché la vettura risultasse competitiva, nonostante le basse prestazioni offerte dal motore, Piero Dusio, patron della Cisitalia, chiese a Savonuzzi di progettare una vettura molto leggera e aerodinamica. La carrozzeria, studiata da Savonuzzi nella galleria del vento del Politecnico di Torino, fu realizzata da Alfredo Vignale. Il risultato fu una vettura di appena 730 kg che poteva raggiungere i 175 km/h. I freni erano a tamburo, mentre lo sterzo era di derivazione Fiat 500 “Topolino, (queste le caratteristiche dell’auto: Cisitalia mod. 202 SMM Nuvolari; motore: 4 cilindri in linea di derivazione Fiat 1100; cilindrata: 1089 cc; potenza 60/65 CV a 5.500 giri/min. Tazio Nuvolari, che avrebbe dovuto portarla in gara alla Mille Miglia, sottolineò la scarsa potenza del motore, ma si disse sicuro di poter conquistare la vittoria, che infine non arrivò, nonostante una grande gara ed un importantissimo primo posto di categoria e secondo assoluto.

Lo spyder denominato Nuvolari, è un esempio di impostazione stilistica quanto mai originale e sarà davvero un onore ed un gran piacere poterla ammirare da vicino in tutta la sua bellezza e grande valore storico, sportivo e culturale, sulle strade siciliane della XXIX rievocazione storica internazionale del Giro di Sicilia by VCCPanormus, che dopo la giornata dedicata al prologo, denominata “Aspettando il Giro di Sicilia”, con l’evento sociale “Monte Pellegrino Revival”, e Concorso di Eleganza Dinamica “XXXIX La Sicilia dei Florio”, prevista nella giornata di mercoledì 5 Giugno, prenderà ufficialmente il via da Piazza G. Verdi (Piazza Massimo) nella mattina di giovedì 6 alle ore 10,30. Fonte: Sebastian Feudale

Torna su
PalermoToday è in caricamento