Sicilia Classic, oggi la sfida finale: in campo Berlocq contro Ungur

Nel pomeriggio alle 15 l'atto conclusivo del torneo sulla terra rossa del Circolo Tennis Palermo. Si sfidano l'argentino favorito alla vigilia contro l'ungherese, già vincitore della prima edizione

Adrian Ungur

Saranno il ventottenne argentino Carlos Berlocq e il ventiseienne rumeno Adrian Ungur a disputare questo pomeriggio alle 15 la finale della terza edizione del Sicilia Classic Tecnocasa Cup, prova dell’Atp Challenger Tour.

Nelle semifinali di ieri, sul campo centrale del Circolo Tennis Palermo, il sudamericano, numero 69 del mondo e seconda testa di serie del tabellone, ha sconfitto in due set (in un’ora e 36’di gioco) il venticinquenne tedesco Andreas Beck (n. 125 Atp). L’incontro, iniziato regolarmente alle 15, è stato sospeso, per l’impraticabilità del campo (troppo pesante, a causa delle piogge di venerdì notte e di ieri mattina), per circa tre ore, sul 4-3 al primo set in favore dell’argentino. Fino a quel punto il match era stato in perfetto equilibrio. Poi, al momento della ripresa, Beck è rientrato in campo decisamente deconcentrato, giocando un tennis molto più discontinuo e falloso. Ha subito ceduto all’avversario il game sul proprio servizio, commettendo due doppi falli; poi ha perso la prima frazione per 6-3 e la seconda per 6-2.

Berlocq giocherà la quinta finale stagionale in un Challenger Atp, dopo quella vinta ad Orbetello e quelle perse a Napoli, Barletta e Todi. Nell'altro incontro, il talentuoso tennista dell’Est, italiano di adozione – vive e si allena a Firenze, con il coach Fabrizio Fanucci – ha avuto la meglio, al terzo set, sul mancino argentino Diego Junqueira, al termine di un match altalenante. Adrian Ungur, numero 123 del mondo, vincitore della prima edizione del Sicilia Classic, disputata nel 2009, ha sconfitto il trentenne sudamericano, numero 97 del mondo e ottava testa di serie del seeding, facendo brillare tutto il suo estro, con colpi da fondo campo stilisticamente perfetti.

Nei precedenti, i due finalisti si sono affrontati già sei volte, con un bilancio di tre vittorie per parte. L’ultima volta che si sono affrontati, quest’anno a Torino, ha prevalso facilmente Berlocq. Per Ungur quella di oggi sarà la terza finale stagionale in un torneo dell’Atp Challenger Tour, dopo quelle vinte a Manerbio ed a San Benedetto. Per Berlocq, invece, sarà il terzo atto conclusivo dell’anno, dopo i trionfi nei Challenger di Torino e Todi. “In Italia mi trovo benissimo. In carriera – ha detto Berlocq in conferenza stampa – ho vinto già dieci tornei Challenger in questo splendido Paese. Mi piacciono molto il clima e la gente. Anche qui a Palermo, dove è la prima volta che gioco, mi sento molto a mio agio. Il Sicilia Classic, il Circolo del Tennis e Mondello mi piacciono parecchio. Questo Challenger – ha concluso Berlocq – può essere tranquillamente paragonato ad un torneo maggiore del circuito Atp”. Al vincitore del torneo andranno 6.150 euro e 90 punti Atp mentre al finalista 3.600 euro e 55 punti Atp.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I risultati di ieri. Semifinali: Carlos BERLOCQ (Arg, 2) b. Andreas BECK (Ger) 6-3 6-2, Adrian UNGUR (Rou) b. Diego JUNQUEIRA (Arg, 8) 3-6 6-2 7-5.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento