Doda-Ambro, il Palermo non perdona in Calabria: piegato il Roccella

Blitz vincente a Locri (2-0): rosa ancora a punteggio pieno a quota nove punti in classifica con l'Acireale

Prima Doda e poi Ambro: il Palermo sbarca in Calabria con il tridente offensivo, ma i gol quest’oggi sono arrivati dai piedi di un difensore e dalla testa di un centrocampista. Allo stadio Macrì di Locri il Palermo batte il Roccella 2-0: rosa ancora a punteggio pieno a quota nove punti in classifica con l'Acireale.

Il Palermo si conferma la squadra da battere e torna in Sicilia con la consapevolezza che si può vincere anche senza le reti dei propri attaccanti, ma non solo. La linea difensiva è un muro, con i due esterni che esaltano giornata dopo giornata il gioco di Pergolizzi. Doda e Vaccaro sono due garanzie nonostante siano degli "under".

Pergolizzi recupera sia Lancini che Martinelli per l’impegno con il Roccella. Entrambi titolarissimi nel 4-3-3 pensato dal tecnico rosanero per provare a voltare pagina dopo lo scivolone con il Biancavilla. Il tridente dei rosa vede ancora una volta protagonista l’argentino Santana (terza partita consecutiva da titolare) in compagnia di Felici e Ricciardo. Ma l’arma in più di questo Palermo è la forza delle corsie laterali. Accardi parte dalla panchina, al suo posto c’è il classe '99 Vaccaro. Una scelta che fino a qualche settimana fa poteva anche lasciare di stucco, ma che adesso invece, viste le ultime due partite, potrebbe diventare una costante del nuovo Palermo. A destra c’è Doda, protagonista assoluto quest’oggi con il gol che ha sbloccato le marcature. Di fronte ai rosa invece c’è un Roccella che può anche ritenersi soddisfatto per quello che ha fatto vedere in campo. Specialmente nella ripresa. Il tecnico degli amaranto riparte dalla difesa a cinque, che nelle prime due giornate di campionato aveva incassato soltanto due reti. 

Ma al Palermo bastano poco meno di 20’ per scardinare la difesa dei padroni di casa e portarsi in vantaggio: a sbloccarla è l’albanese Doda con una serpentina personale sulla corsia di destra. Bravissimo il giocatore scuola Sampdoria a raggiungere la linea di fondo e a battere il portiere avversario con una conclusione sorprendente (forse anche un po’ fortuita) da una zolla di campo defilata. Ma la pratica è tutt’altro che chiusa, il Palermo amministra il vantaggio, ma i padroni di casa nei primi 45’ non hanno affatto demeritato, anzi. Gli amaranto si sono resi più volte pericolosi sia su calci piazzati che con conclusioni dalla distanza. Sempre attentissimo Pelagotti. 

E infatti a inizio ripresa le prime occasioni sono tutte a tinte amaranto. Pelagotti è costretto ad alzare la voce per svegliare i propri compagni di squadra, mentre Pergolizzi decide di richiamare in panchina un attaccante per un centrocampista. Fuori Santana, dentro Ambro, che all’esordio stagionale in maglia rosa sfiora immediatamente il raddoppio con un pallonetto da circa 40 metri che per poco non beffa il portiere avversario. Per il centrocampista palermitano l’appuntamento con il gol è soltanto posticipato di qualche minuto, perché qualche istante più tardi sugli sviluppi di un calcio d’angolo insacca il pallone alle spalle di Scuffia saltando più in alto di tutti. una rete che di fatto apre le danze alla festa dei circa 500 tifosi del Palermo presenti allo stadio Macrì di Locri. Sorride Pergolizzi che così come accaduto con Lucera a Marsala può tornare a casa consapevole di aver indovinato il cambio dalla panchina. E poteva anche essere più felice se solo Ambro non avesse insaccato anche il pallone del 3-0 con un sinistro neutralizzato questa volta da Scuffia. Nei minuti di recupero Pergolizzi manda in campo anche Lucera, il palermitano del Cep si impossessa subito della palla e si rende protagonista con un siluro che si stampa sul palo della porta avversaria. Poi l’arbitro fischia tre volte e mette il punto esclamativo sulla terza vittoria consecutiva del Palermo.

IL TABELLINO DI ROCCELLA-PALERMO

Marcatori: 19’ Doda 70’ Ambro. 

ROCCELLA: Scuffia, Faiello, Cavallaro, Liviera, Mbaye, La Gambra, Suraci (Riitano), Osei, Santaguida (55’ Liberto), Leveque, Pascuzzi (68’ Leonardi). All. Francesco Galati. 
PALERMO: Pelagotti 6, Doda 6,5, Crivello 6, Lancini 6, Vaccaro 6 (78’ Accardi), Martinelli 6, Martin 6 (90’ Mauri), Kraja 6 (76’ Langella), Felici 6, Santana (cap) 6 (60’Ambro 6,5), Ricciardo 6 (90’ Lucera). All. Pergolizzi 7. 
ARBITRO: Simone Taricone.
Ammoniti: 31’La Gambra; 40’ Lancini; 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

  • Produce documenti falsi per percepire il reddito di cittadinanza: denunciato

  • Mafia, sequestrato tesoro del boss Salerno: ci sono anche tabaccheria e focacceria

Torna su
PalermoToday è in caricamento