Tutto pronto per la Palermo-Montecarlo: regata al via, dieci le nazioni in gara

Circa 500 le miglia di mare dal golfo di Mondello alla destinazione finale. Il percorso prevede un passaggio obbligato a Porto Cervo. E' record di imbarcazioni: 57 i partecipanti

La grande vela internazionale torna in Sicilia con la quindicesima edizione della Palermo-Montecarlo. La regata offshore, organizzata dal Circolo della Vela Sicilia, con la collaborazione dello Yacht Club de Monaco e dello Yacht Club Costa Smeralda, che prenderà il via domani dal golfo di Mondello, è stata presentata oggi a Mondello nella sede del club presieduto da Agostino Randazzo. Presenti, tra gli altri, anche il sindaco Leoluca Orlando, l'assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Manlio Messina, il comandante della Capitaneria di Porto di Palermo Roberto Isidori e il consigliere federale con delega alla vela d'altura Donatello Mellina.

Ben 57 le imbarcazioni (un record), tra monoscafi e multiscafi, provenienti da 10 Nazioni, attualmente all'ormeggio al Marina di Villa Igiea, che domani a mezzogiorno, sotto la direzione del presidente del Comitato di regata Alfredo Ricci, partiranno per affrontare le circa 500 miglia di mare che separano Palermo da Montecarlo, con il passaggio obbligato di un gate posto all'altezza di Porto Cervo e con l'opzione di scegliere se lasciarsi la Corsica a destra o a sinistra.

 Un percorso che nella sua storia ha attirato fior di campioni del mare e che anche quest'anno - anzi, mai come quest'anno - sarà teatro di una sfida di altissimo profilo tra barche ed equipaggi di livello mondiale. In regata, tra gli altri, ex olimpionici azzurri come Matteo Ivaldi (Primavista Lauria), Michele Regolo (Vera), Paolo Semeraro (Alemaro) e l'attuale coach federale del catamarano Nacra 17 Gabriele Bruni (Primavista Lauria), leggende della vela oceanica mondiale come l'olandese Bouwe Bekking (Vera) e i francesi Eric Drouglazet (Arobas), Kito de Pavant (Made in Midi) e Olivier Douillard (Aragon), e veterani della vela d'altura italiana come Paolo Bottari (Vera) e Roberto Ferrarese (Anouk). Ci saranno anche la navigatrice transalpina Morgane Ursault-Poupon, figlia del leggendario Philippe Poupon, sul trimarano di 60' Ad Maiora di Bruno Cardile (a bordo anche Andrea Pendibene) e l'ex sciatore croato Ivica Kostelic - quattro argenti olimpici e cinque Coppe del Mondo vinte in carriera - skipper di Spirit of Croazia.

Due i trofei in palio, oltre ai singoli premi di classe: il Trofeo Challenge perpetuo Angelo Randazzo, per il vincitore in tempo compensato del gruppo più numeroso tra i due previsti e vinto l’anno scorso dall'equipaggio francese di Tonnerre de Glen, e il Trofeo Giuseppe Tasca d’Almerita, per il primo scafo sul traguardo di Montecarlo in tempo reale, sfida che quest'anno avrà come protagonisti i Maxi Vera di Miguel Galluccio, Adelasia di Torres di Renato Azara, Ambersail 2 di Linas Ivanauskas e Aragon di Nicolas Le Carpentier.

Grande attesa anche per la regata del Mylius 14E55 Zenhea Takesha di Natale Lia, che a bordo avrà cinque giovani velisti della squadra agonistica del Circolo della Vela Sicilia, dell'ICE 52 palermitano Primavista Lauria e del Class 40 Crossing Routes Vaquita dello skipper Alessio Bernabò, con un equipaggio speciale composto da disabili e normodotati.

"Mai come quest'anno la Palermo-Montecarlo - dichiara il presidente del Circolo della Vela Sicilia Agostino Randazzo - è una regata dalla connotazione internazionale, sia per il numero delle Nazioni rappresentate, ben dieci, sia per la qualità delle barche e degli equipaggi presenti, che annoverano delle vere e proprie leggende della vela mondiale. È la conferma dell'interesse che la nostra regata riscuote al di fuori dei confini italiani, un appeal in costante e continuo crescendo che rappresenta una delle maggiori soddisfazioni per il nostro club e per tutte le persone impegnate nell'organizzazione. Sono sicuro - conclude - che sarà un'edizione della Palermo-Montecarlo appassionante e avvincente, come sempre, e ricca di colpi di scena, con molte barche in grado di vincere la classifica in tempo compensato".

Anche quest'anno il Circolo della Vela Sicilia metterà a disposizione dei partecipanti una serie di container, che debitamente caricati, saranno spediti dall’organizzazione via terra direttamente a Montecarlo. Un apprezzato servizio che consentirà agli equipaggi di rientrare al proprio porto di partenza senza dover tornare in Sicilia per recuperare il materiale non imbarcabile a bordo.

Tappa fondamentale del Campionato Italiano Offshore della Federazione Italiana Vela e del Mediterranean Maxi Offshore Challenge dell'Ima, la Palermo-Montecarlo sarà seguibile on line attraverso il sistema di tracciamento satellitare YB Tracking (da APP o da sito, qui il link: yb.tl/pm2019), è organizzata dal Circolo della Vela Sicilia con il supporto del Comune di Palermo, dell'Assemblea Regionale Siciliana e della Fondazione Sicilia, dei partner Conti Tasca d'Almerita e Premiati Oleifici Barbera, e degli sponsor tecnici Gesap ed R.Motors Toyota e Visiva.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento