Cagliari-Palermo, le probabili formazioni: assente Puscas, tentazione Balogh

L'attaccante romeno si presenta: "Questo club aveva per me la priorità". "Un giocatore che ho sempre voluto", dice Tedino che però non vuole rischiarlo per la Coppa Italia. Spazio a Brignoli tra i pali, delusione per l'escluso Aleesami

Il neoacquisto del Palermo, l'attacante George Puscas

Palermo, avanti Puscas. Alla vigilia del match di Coppa Italia col Cagliari (calcio d’inizio alle 20.30) il giocatore romeno è stato ufficialmente presentato alla stampa. L’ex Novara, entusiasta per la nuova avventura, domani sera non scenderà in campo dal primo minuto. Ambizione, voglia di ritornare in quella stessa Serie A toccata con la maglia del Benevento soltanto per sei mesi, ma soprattutto tanta determinazione. C’è tutto questo nel nuovo acquisto del club rosanero. Soddisfatto Tedino che però predica calma: "George è un giocatore che ho sempre voluto. La sua condizione non è al 100%, non vogliamo assolutamente rischiare di perderlo per un infortunio. A Cagliari non ci sarà".

"Palermo sarà la mia nuova casa"

Una telenovela, quella fra Puscas e il Palermo, durata quasi un mese. Ma non a causa dei dubbi del giocatore che in conferenza ha invece espresso tutta la sua contentezza per l'approdo in Sicilia: "Non ho mai avuto alcun dubbio sulla destinazione. Appena ho sentito dell’interessamento del Palermo ho subito messo in chiaro le cose con il mio agente: in Italia il club rosanero avrebbe avuto la priorità. Avevo ricevuto offerte dalla Serie A e dall’estero. Ho ponderato molto bene la mia scelta, perché prima devi valutare alcune cose, devi parlare con l’entourage e soprattutto con la famiglia. Alla fine però sono qui e sono certo che le cose andranno molto bene. Questa - continua - è sicuramente la scelta giusta per me. Ho parlato con tantissime persone e nessuno mi ha detto una sola cosa negativa su questa piazza. Questa è la mia nuova casa. Cambio città, mi ritrovo in un posto bellissimo e chiudo il capitolo legato all’Inter. Mi aspetto di fare tante cose con questa maglia addosso".

"Soltanto entusiasmo intorno al Palermo"

C’è chi pensa che questo sia il periodo più buio per il Palermo. Di avviso opposto Puscas che in conferenza ha subito voluto chiarire una cosa: "Appena arrivato ho sentito grande entusiasmo da parte dei tifosi ma anche da parte della squadra. So cosa significhi giocare a Palermo: una grande piazza, anche perché a me queste sfide piacciono tantissimo. Sono entusiasta e non vedo l’ora di poter parlare con i fatti. L’obiettivo personale - dice - chiaramente è quello di far meglio rispetto alla passata stagione (10 gol con la maglia del Novara, ndr). Non mi sono prefissato un numero esatto di reti, o meglio... i numeri preferisco tenerli per me, non mi piace fare proclami. A fine stagione vi dirò se ci sarò andato vicino".

"Palermo piazza particolare. Dovremo essere sempre sul pezzo"

Dagli obiettivi personali a quelli collettivi. All’orizzonte non può che esserci chiaramente la promozione nella massima serie, categoria in cui Puscas ha giocato per 6 mesi con la maglia del Benevento. “Un’avventura che poteva sicuramente andar meglio. Per noi come gruppo si trattava del primo anno in Serie A e forse ci è mancata un po’ d’esperienza. I risultati negativi nelle prime partite e i gol presi negli ultimi minuti ci hanno sicuramente demoralizzato tantissimo. Sono consapevole che per arrivare dove aspiro, dovrò lavorare ancora tantissimo. Qui potrò crescere e confrontarmi con una grande realtà come quella del Palermo. In una piazza del genere dovremo essere tutti bravi a lavorare con calma ma essere sempre sul pezzo. Dobbiamo avere la lucidità per poter vincere ogni partita e arrivare il più in alto possibile".

Tedino: "Col Cagliari impegno importante. Puscas non ci sarà"

Una vittoria sofferta col Vicenza, forse anche troppo, ha regalato al Palermo il passaggio del turno. Così a distanza di un anno i rosanero si ritroveranno a sfidare il Cagliari, vittorioso l’ultima volta ai calci di rigore. Novità di formazione: Balogh titolare, panchina per Moreo. Ancora un’esclusione per gli "scontenti" Aleesami e Rispoli.

"Che sforzo prendere Puscas"

Nonostante a Cagliari mister Tedino dovrà fare a meno di Puscas, in conferenza il tecnico rosanero non ha potuto fare a meno di esprimere tutta la sua gioia per il suo nuovo attaccante. "Ci tengo - ha detto - a sottolineare una cosa: non mi piace leccare il cu** a nessuno, quindi questo discorso nasce da tutt’altre considerazioni. Su Puscas ci sono tre cose da dire: la prima è che è sicuramente abbiamo portato in rosa un giovane emergente con grandissime potenzialità. La seconda è lo sforzo fatto dalla società per portare un elemento che era conteso da tantissime squadre. E per ultimo vorrei sottolineare il lavoro straordinario di Rino Foschi. George è un giocatore che ho sempre voluto avere. Purtroppo - confessa - non si è allenato in maniera intensa, ha bisogno di fare un rodaggio per evitare infortuni. Siccome è già successo con alcuni giocatori arrivati in corsa, noi pensiamo che la cosa migliore sia quella di introdurli con calma. A Cagliari non ci sarà".

"Cambieremo qualcosa"

Dopo aver elogiato il nuovo arrivato il tecnico rosanero è entrato in clima partita. "Rispetto al match col Vicenza faremo qualcosa di diverso. Non si tratta di bocciature, ma qualcuno durante questa settimana mi ha messo dei dubbi e altri invece mi hanno dato certezze. Balogh è uno di quei giocatori che ha dimostrato negli ultimi 10 giorni di essere maturato tanto. Per me è una grande soddisfazione. Ritengo inoltre che se dobbiamo e vogliamo forzare, dovremmo giocare in maniera leggermente diversa. Sicuramente stiamo facendo un lavoro improntato su una difesa a quattro e tre centrocampisti, per poi lasciar spazio a determinati elementi che in avanti possono fare la differenza. Mi piacerebbe vedere una squadra che giochi bene a calcio domani vorrebbe dire essere al cento per cento perfetti. Ricordiamoci che affronteremo una squadra di Serie A, molto organizzata e che pochi giorni fa è riuscita a mettere in difficoltà l’Atletico Madrid".

Formazione Cagliari Palermo 11 agosto 2018-2

Qui Palermo

Ancora un’esclusione per Rispoli e Aleesami: Salvi e Mazzotta verso la conferma sulle corsie. In attacco invece possibile impiego dal primo minuto per Balogh al fianco di Nestorovski. I due centrali di difesa saranno ancora una volta Rajkovic e Bellusci con Jajalo, Murawski e Fiordilino a comporre il trio di centrocampo. Panchina per Alberto Pomini, in Sardegna giocherà Brignoli.

Qui Cagliari

Un appuntamento che il tecnico dei sardi, Rolando Maran, non vuole assolutamente steccare. Partirà con il 4-3-1-2 e la coppia d’attacco Farias-Pavoletti. Per il Cagliari quello di domani sera sarà il primo impegno ufficiale della stagione.

Probabili formazione

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Faragò, Romagna, Ceppitelli, Lykogiannis; Castro, Cigarini, Barella; Ionita; Farias, Pavoletti. All. Rolando Maran;
Palermo (4-3-1-2): Brignoli; Salvi, Bellusci, Rajkovic, Mazzotta; Murawski, Jajalo, Fiordilino; Trajkovski; Nestorovski, Balogh. All. Bruno Tedino

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento