"Non saremo legati a un solo modulo" Sannino presenta il suo calcio

Prima conferenza al Barbera per il neo allenatore del Palermo: "La serie A ti fa capire che in certi casi bisogna saper essere bravi anche a cambiare le proprie idee". Poi scherza: "Presto al primo posto tra i tecnici a rischio esonero"

Sannino con Zamparini e Perinetti (foto Giuseppe Leone)

Il presidente Zamparini avverte i giornalisti sul fatto che per un bel po’ di tempo non si divertiranno con i suoi cambi di allenatore. Giuseppe Sannino ironizza sul fatto che presto sarà al primo posto nella griglia dei giornali come primo allenatore ad essere esonerato nella prossima stagione.

Trascorre, come spesso accade, all’insegna dei sorrisi e dell’ironia la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore del Palermo, Sannino. Al nuovo tecnico il presidente rosanero chiede “semplicemente” di fargli vedere una squadra, ovvero tutto quello che non ha visto nell’ultima stagione. L’ex tecnico del Siena ha l’unico desiderio di mettersi al lavoro e soprattutto di portarlo a termine. “Ho questa grande opportunità e credo che a Palermo ci siano già giocatori bravi - afferma Sannino - e la serie A ti fa capire che in certi casi bisogna saper essere bravi anche a cambiare le proprie idee e quindi non utilizzare un solo modulo. Per fare una squadra, sarà importante avere un giusto mix di tutto come in cucina con gli ingredienti. Vorrei dare un indirizzo, ma avere anche una squadra duttile. Ai tifosi dico che non voglio creare grandi aspettative ma di conoscermi per come sono sul campo. E vorrei farlo vedere anche qui a Palermo".

CALCIOMERCATO, ZAMPA: "MICCOLI MI HA CHIESTO DI RESTARE"

PERINETTI. Ma oggi è stato anche il giorno del ritorno di Giorgio Perinetti, il quale tiene a precisare che non si tratta solamente di una questione di cuore. "Per me Palermo rappresenta tanto dal punto di vista umano, ma sono qui per lavorare e ripagare le aspettative della tifoseria. L'annata passata non è stata fortunata, ma il presidente ha passione e la società vuole andare avanti con un nuovo centro sportivo, un nuovo stadio. Ci sono già tanti giocatori di livello che non hanno avuto una stagione fortunata. Il mercato è molto difficile e già il fatto che molti nostri giocatori sono richiesti, vuol dire tanto. L'obiettivo sarà uno stadio in festa e possibilmente gioire per i risultati. Lavoreremo senza sosta. Ambiente spento? L'unica ricetta è il lavoro, senza creare rivalità. Per costruire la squadra, serve che ci sia esperienza e gente giovane, ma soprattutto che siano bravi. Bisogna migliorare lo scouting, trovando quei giocatori che diventeranno importanti prima che diventi importanti e che gli altri lo sappiano”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento