homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pesca sportiva, due palermitane conquistano il titolo mondiale

Isabella Micela e Rosalia Di Maio hanno vinto con la Nazionale l'oro a squadre nella specialità surfcasting alla rassegna iridata che si è svolta a Marina di Carrara, in Toscana

Isabella Micela e Rosalia Di Maio

Palermo sul tetto del mondo nella pesca sportiva. Il merito è di Isabella Micela e Rosalia Di Maio, che con la Nazionale, hanno conquistato a Marina di Carrara, in Toscana, l'oro a squadre nel surfcasting. Senza addentrarsi troppo nei tecnicismi, il surfcasting è una specialità che prevede la pesca con la canna dalla riva possibilmente quando ci sono onde. Per vincere bisogna catturare i pesci più lunghi. Cosa che hanno fatto, insieme alle altre tre compagne azzurre, Isabella Micela, 37 anni, impiegata comunale e Rosalia Di Maio, quarantenne, commercialista, entrambe accomunate dalla passione per ami e lenze.  Un universo lontano anni luce dagli sport "classici" fatti di star e di business.

Isabella Micela, "contagiata" quattro anni fa dal fidanzato, anche lui pescatore, lo dice subito. "Non è il calcio, ma nemmeno gli altri sport minori, qui non ci guadagniamo proprio nulla, anzi affrontiamo spesso noi le spese per i viaggi e per l'attrezzatura". Sacrifici che vengono ripagati dalle emozioni che solo il mare sa regalare e da giornate come quella che le due palermitane hanno vissuto ai Giochi mondiali della pesca, a Marina di Carrara. "E' stato difficile - racconta Micela - il mare non era pescoso, il massimo per me è stato un sarago da 23 centimetri. Nel complesso, però, abbiamo fatto bene e grazie ai buoni piazzamenti ottenuti da tutte le ragazze della squadra siamo riuscite a centrare il titolo iridato". L'Italia si è messa alle spalle Francia e Croazia con un bottino di 44 pesci per una lunghezza di 1.151 centimetri. Non sarà Spagna '82 o Germania 2006. "Ma anche noi - sorride Isabella - possiamo urlare... siamo campionesse del mondo".  

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • da appassionato,posso dire che la pesca  sportiva e. non. fatta con tutto il rispetto x l'ecosistema e' il migliore di tutti gli sport.   comunque compliment.i .a  queste nostre concittadine.

Notizie di oggi

  • Politica

    Nuovo sindaco, la carica dei 5 Stelle: tra i candidati un poliziotto, giornalisti e studenti

  • Incidenti stradali

    Incidente in autostrada, si ribalta un camion: chiusa la Palermo-Mazara

  • Incidenti stradali

    Incidente in viale del Fante, muore a 20 anni dopo un mese di agonia

  • Cronaca

    Ladro scappa, ragazzi lo proteggono: "Gli onesti ora tifano per i cattivi, Palermo al capolinea"

I più letti della settimana

  • Calciomercato Palermo, trattativa sprint: Zamparini a caccia di Diamanti

  • Palermo-Sassuolo, le probabili formazioni: Ballardini punta su Bentivegna

  • Il Palermo punta Galabinov per l'attacco, Cascio fa il turista al Barbera

  • Palermo-Sassuolo 0-1: un rigore di Berardi affonda i rosa: cronaca, commenti e pagelle

  • Palermo-Sassuolo, carica Ballardini: "Ci danno già per retrocessi..."

  • Mezzogiorno in punto, parte a Mondello la Palermo-Montecarlo dei record

Torna su
PalermoToday è in caricamento