Palermo, nuovo colpo di scena: Foschi richiama Mirri per evitare la penalizzazione

Dietrofront della società di viale del Fante: oggi pomeriggio nuovo faccia a faccia per provare a riaprire una trattativa che si è già arenata due volte. L'obiettivo primario è pagare gli stipendi per scongiurare l'incubo del -4 in classifica

Rino Foschi

Colpo di scena in casa Palermo, dietrofront di Rino Foschi: nuovo appuntamento nel pomeriggio con Dario Mirri. Sembravano essersi detti addio e invece l’attuale presidente del club rosanero avrebbe nuovamente chiamato l’imprenditore palermitano (dopo la fumata nera di ieri) per provare a riaprire una trattativa che si è già arenata ben due volte.

A questo punto si potrebbe anche ipotizzare che la pista che porta alla cordata americana non sia abbastanza solida. Intanto il tempo stringe e serve una soluzione per scongiurare la penalizzazione: entro domani infatti dovranno essere versati gli stipendi, altrimenti sarà caos. 

Foschi e Mirri ci riprovano dunque. Questo pomeriggio siederanno nuovamente l’uno di fronte all’altro. L'obiettivo primario è di evitare l’incubo del -4 in classifica. Tuttavia appare difficile che Mirri possa riformulare la sua proposta, anche e soprattutto dopo che ieri gli era stato comunicato di una presunta cordata di americani pronta a investire 50 milioni. Più probabile invece che dalle parti di viale del Fante abbiano finalmente capito che la parola stipendi mai come in questo momento faccia rima con Mirri.

La Damir srl si è resa immediatamente disponibile al versamento del monte stipendi (pari a 2,8 milioni netti), a fronte delle possibilità di ottenere un contratto commerciale di affidamento della pubblicità di durata quadriennale, "con pagamento anticipato del canone - si legge in una nota diffusa stamattina da Dario e Daniele Mirri - e garantendo pure un sistema di royalties legate ai volumi di fatturato raggiunto (in un contesto nel quale il Palermo Calcio stessa ha dichiarato che gli introiti pubblicitari sono pari ad 1.070.000 euro annui lordi)". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Erano più veri l'arabo, il pakistano è l'indiano presenti insieme a Zamparini il giorno dell'inaugurazione del centro conca d'oro mi ricordo ancora le immense minch... ate di allora siamo pronti ad investimenti nel palermo calcio per circa 200 milioni di euro...... Siete tutti degli immensi buffoni quaquaraqua' anche il signor fischi che ritenevo una persona seria ma a quello che vedo si piega troppo ai capricci di zamparini. Sulla figura della signora De Angeli meglio stendere un velo pietoso e qui mi fermo altrimenti mi censurano....

  • Sarà, ma vedo Zamparini al manicomio!

  • Avatar anonimo di Massimiliano
    Massimiliano

    Ormai nel mondo del calcio contano i soldi i grandi capitali.Penso che il calcio debba tornare in fretta ad essere uno sport,altrimenti si corre il rischio che inizi a stancare.

  • un si nni po chiu!!!

  • che gran buffonata!

  • A questo punto è chiarissimo che la società è ancora gestita da una persona che da qualche anno ha perso la ragione. De essere interdetto immediatamente e affidare la società ad un amministratore esterno, anche ad una istituzione pubblica. Immediatamente!

  • Avatar anonimo di Salvo
    Salvo

    Unica cosa da dire che siete buffoni...

  • Americani finiti ancor prima di atterrare?

Notizie di oggi

  • Politica

    "Governo parallelo basato su favori, amici e nemici": l'Antimafia disegna il sistema Montante

  • Politica

    Decreto Sicurezza, Orlando aggira gli uffici: avanti con le pratiche di residenza ai migranti

  • Politica

    Sgombero immediato per le case abusive in zone a rischio, via i sindaci che non applicano la legge

  • Cronaca

    "Dal totonero alle scommesse on line", così Splendore è diventato il "re" del gioco

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento