Corini pensa alle dimissioni: "Amo Palermo, fa male accompagnarla in B..."

Il messaggio del tecnico bresciano a Zamparini: "Bisognava intervenire sul mercato a inizio gennaio, adesso la società deve capire su quale allenatore puntare"

Corini insieme a Pioli: con l'Inter l'ultima panchina del Genio?

Continuano a non placarsi gli animi in casa Palermo. Corini, dopo il ko casalingo contro l’Inter, ma soprattutto dopo aver visto vincere l’Empoli in casa contro l’Udinese – portandosi così a più undici dai rosanero - potrebbe anche dimettersi. A pochi giorni dalla chiusura del mercato Corini vuole vederci chiaro e capire quali siano le reali intenzioni del Palermo. “La società deve capire su quale allenatore puntare. Parlerò subito con Salerno. Voglio capire cosa intenda fare la società. Sono una persona umile, posso anche sbagliare, ma voglio un gran bene a questa piazza ed è arrivato il momento di decidere come proseguire”.

Un messaggio diretto a Zamparini, dopo le sempre più insistenti voci di un possibile ritorno di Ballardini. “L’allenatore – prosegue Corini – ha bisogno di sentirsi al centro di un progetto per dare il meglio di sè. Non riesco a fare l’attore, dico le cose come stanno. Fa male pensare di accompagnare la città che amo in serie B”. Arrivato quasi due mesi fa a Palermo, in realtà Corini aveva tutt’altro in mente. Ovvero uno sprint fino a gennaio per poi cercare i giusti rinforzi nel mercato invernale e tentare la risalita.

“I quattro punti conquistati – continua il tecnico rosanero – ci avevano dato entusiasmo. Ed è proprio in quel momento che bisognava intervenire apportando i giusti rinforzi per alimentare le nostre speranze. Purtroppo non siamo riusciti a farlo prima dei match giocati contro l’Empoli e contro il Sassuolo. Adesso abbiamo bisogno di un miracolo sportivo”.

Nelle prossime ore Zamparini potrebbe decidere di mettere in atto l’ennesimo ribaltone, provando a convincere Ballardini a tornare a Palermo. Sul presidente Corini ha detto che “cambiando guida tecnica non si risolvono i problemi. Non ho mai avuto la presunzione di cambiare le persone. Sapevo che non sarebbe stato un cammino semplice, ho provato a dare un segnale e in parte c’eravamo anche riusciti. Farò le mie valutazioni e parlerò con la società”. Intanto il ds Salerno in giornata dovrebbe raggiungere Zamparini per discutere del futuro del tecnico e del Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento