Piccole crepe nel nuovo Palermo: Di Piazza si dimette da vicepresidente

Resta però come consigliere del Cda. La decisione è stata ufficializzata dal club, sottolineando che si tratta di "dimissioni preannunciate e che muovono da alcuni fraintendimenti, probabilmente conseguenti anche alla distanza, rispetto ai ruoli e compiti interni"

Tony Di Piazza

Lascia l'incarico di vicepresidente del Palermo Tony Di Piazza (ha mantenuto il ruolo di consigliere). La decisione è stata ufficializzata dal club in una nota, sottolineando che si tratta di "dimissioni preannunciate e che muovono da alcuni fraintendimenti, probabilmente conseguenti anche alla distanza, rispetto ai ruoli e compiti interni alla società". 

"Il nuovo Palermo - si legge nella comunicazione a forma di Dario Mirri, presidente della Ssd - è stato progettato e organizzato secondo un preciso assetto aziendale, con regole ben definite, secondo specifiche competenze e rispetto anche istituzionale. Ed è proprio la tutela di questi ruoli e competenze, del resto, che ha consentito quest’anno, grazie anche al prezioso lavoro svolto dall'amministratore delegato, il raggiungimento di prestigiosi risultati (tra i quali l'allestimento della squadra e dello staff tecnico in appena due settimane, il primo posto in classifica per tutto il campionato, un numero record di abbonati, ecc.) e, si spera, dei traguardi prefissati, per il che la Società ritiene di dover stare in rispettosa attesa di conoscere le determinazioni che le Autorità di governo del calcio andranno - è da ritenere a breve - ad adottare. Il Palermo perseguirà sempre gli obiettivi che stanno a cuore ai propri tifosi, fondando ogni decisione su correttezza, rispetto e trasparenza. Ogni scelta operativa, in una logica di legittima responsabilità dei ruoli aziendali, sarà dunque finalizzata esclusivamente al raggiungimento dei risultati societari e sportivi e ciò, ovviamente, già a partire dalla prossima stagione sulla quale l'amministratore delegato sta già alacremente lavorando". 

Mirri precisa che "le dimissioni, ovviamente, non avranno alcuna ripercussione operativa sulla Società posto che tutte le deleghe sono state sin dall'inizio attribuite e riservate all'amministrato delegato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della sedutra di oggi, il consiglio di amministrazione del Palermo ha anche approvato il regolamento sulla sicurezza in tema di emergenza sanitaria e "approfondito ulteriormente ogni considerazione sul Centro sportivo ritenuto prioritario per il migliore sviluppo della nostra società, l’intera area metropolitana e i tifosi. Il Consiglio, inoltre, ha avuto modo di riaffrontare il tema del budget dei prossimi due anni". Il tema era stato messo all'ordine del giorno su istanza dello stesso consigliere Tony Di Piazza. Su richiesta del presidente, "il budget è stato riconfermato interamente ed all’unanimità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

Torna su
PalermoToday è in caricamento