Palermo calcio, il closing è ufficiale: Clive Richardson è il nuovo presidente del club

Attraverso un comunicato diramato sul sito ufficiale la società conferma l’avvenuto passaggio di proprietà del 100% delle azioni da Maurizio Zamparini a Sport Capital Investments Ltd. L'ex patron: "Smentiti tutti i gufi"

Clive Richardson

Closing doveva essere e closing fu. Il club rosanero passa ufficialmente nelle mani della Sport Capital Investments. E ad annunciarlo è lo stesso Clive Richardson, da oggi a tutti gli effetti nuovo presidente del Palermo, attraverso un comunicato diramato sul sito ufficiale. “L'U.S. Città di Palermo – si legge - conferma l’avvenuto passaggio di proprietà del 100% delle azioni della società dal Sig. Maurizio Zamparini a Sport Capital Investments Ltd, società controllata da Sport Capital Group Ltd, in esecuzione dell’accordo preliminare firmato il 30 novembre. Nel ringraziare la precedente proprietà per i prestigiosi risultati raggiunti e per avere apprezzato il progetto di sviluppo del Palermo Calcio presentato dal nuovo gruppo azionista, il nuovo consiglio di amministrazione, con il supporto di un gruppo di advisors coordinati da Dean Holdsworth, intende da subito lavorare assieme al management team esistente sui programmi per la parte rimanente della stagione 2018–2019”.

Insieme a Dean Holdsworth e Richardson in questo nuovo progetto in salsa britannica ci saranno anche Emanuele Facile e John Treacy. Nessuna carica di consigliere per l’ormai ex patron Zamparini. “Il nuovo consiglio di amministrazione - prosegue la nota - sarà formato dal presidente Clive Richardson, dall’amministratore delegato Emanuele Facile e dal consigliere John Treacy. Sport Capital Group Investments Ltd convocherà nei prossimi giorni un’assemblea dei soci per aumentare il capitale fino a 20 milioni di euro. Ulteriori comunicazioni sui dettagli della struttura di controllo del club e sui prossimi passi verranno forniti a breve, appena completati tutti i processi regolamentari connessi all’acquisizione”. 

"Il comunicato di oggi - commenta Zamparini - non è altro che una esecuzione del contratto preliminare del 30 novembre. Smentendo tutti i gufi. Se sarò o meno loro consigliere, dipenderà anche e soprattutto dalle loro necessità. Io mi auguro che trovino un nuovo capo team, tipo Marotta giovane, che con l’aiuto di Foschi possa dirigere il club. Così che io possa iniziare a pensare anche ai miei più personali interessi, senza necessità di alcuna consulenza".

Potrebbe interessarti

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Bonus casa a chi ristruttura, detrazioni fiscali per l'acquisto di mobili e condizionatori

  • Come conservare il cibo, ecco i 10 alimenti che vanno tenuti (sempre) fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia fra Palermo e New York, 19 arresti: decapitato mandamento di Passo di Rigano

  • San Vito Lo Capo, ragazzo monrealese di 20 anni cade dagli scogli e muore

  • Via D'Amelio, incontro in Questura: arriva Gigi D'Alessio e Fiammetta Borsellino va via

  • Medaglie d'Oro, "trasmetteva" Sky (quasi) gratis: nella stanza da letto 57 decoder e 187 mila euro

  • Mafia, blitz tra Palermo e New York: i nomi degli arrestati

  • Prima il malore in casa, poi l'incidente in auto durante la corsa in ospedale: morto 51enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento