Mirri e il sogno di un centro sportivo per Palermo: "Possiamo farcela entro il 2020"

Il presidente rosanero "a tu per tu" con PalermoToday parla dei progetti della società. Con Regione e Comune dialogo in corso "per realizzare almeno quattro campi d'allenamento". Lo stadio Barbera? "Via le barriere e capienza ridotta"

Dario Mirri, presidente del Palermo

Un centro sportivo per il Palermo e per la città. Dario Mirri sogna a occhi aperti e spera di realizzare i nuovi campi di allenamento entro la fine del 2020. "Farlo fuori dalla città sarebbe una grande sconfitta per tutti". Il presidente rosanero "a tu per tu" con PalermoToday parla dei progetti della società. Tra questi c'è anche il restyling dello stadio Renzo Barbera: "Via le barriere dal campo, inizieremo dalla tribuna. Bisogna avviare una rivoluzione sportiva, ma anche e soprattutto sociale". Presidente-tifoso, Mirri conta molto sull'azionariato popolare, malgrado la diffidenza di una parte della tifoseria. "E' un atto di fede e di trasparenza".  

Azionariato popolare: "Mai più muri tra tifosi e società"

Mirri apre le porte dello stadio ai tifosi, consegnando metaforicamente un duplicato delle proprie chiavi di casa a tutti coloro i quali sta a cuore il Palermo, dando così la possibilità, a chiunque volesse, di essere parte integrante del nuovo Palermo. “Eppure - dice l’imprenditore palermitano - non capisco perché i tifosi disposti a partecipare all'azionariato al momento siano soltanto duecento, piuttosto che 10 mila. Chi ha fatto l’abbonamento lo ha fatto esclusivamente come atto d’amore nei confronti della squadra e della società, e quindi mi chiedo quale sia la differenza con l'azionariato. Osservare e poter giudicare, è questo quello che un tifoso dovrebbe volere dalla società, considerato sopratutto quanto accaduto negli ultimi anni. Non mi aspettavo - confessa - tutta questa diffidenza sull’argomento dell’azionariato, anche perché ciò che mi dispiaceva di più quando ancora non ero presidente era proprio il non sapere. Avevo la sensazione che ci fosse un muro fra noi e la società, nonostante seguissi costantemente il Palermo. Da parte mia c’era sempre il desiderio di sapere qualcosa in più e questa mancanza di conoscenza mi faceva soffrire parecchio. Sia io che Di Piazza non abbiamo alcuna aspettative economica, non abbiamo finalizzato questo progetto per centrare degli obiettivi economici, questo ovviamente dev’essere chiaro un po’ a tutti. Il tema è legato solo e soltanto al coinvolgimento, alla trasparenza e alla rivoluzione. E’ probabile che in futuro decideremo di rilanciare discorsi di questo tipo, magari aprendo nuovamente ai tifosi azioni della società. Questo è soltanto un inizio e sono convinto che con il passare del tempo riusciremo a coinvolgere tante altre persone. Il mio sogno, così come quello di Tony Di Piazza è quello che la città partecipi realmente, perchè noi vogliamo essere una comunità. Si vince e si perde, ma insieme.  Siamo tutti un'unica cosa".  

Centro sportivo: "Una grande occasione per la città"

Dall'azionariato popolare alla realizzazione del nuovo centro sportivo. Il filo conduttore è esattamente lo stesso e Mirri spera davvero di poter consegnare questo regalo alla città e ai tifosi nel minor tempo possibile. Un obiettivo che lui stesso paragona a una qualificazione in Champions League. “Me ne sto occupando personalmente, nelle ultime settimane ho avuto modo di incontrare sia il Comune che la Regione, perché nel territorio palermitano non ci sono molti terreni privati così vasti. Un ipotetico centro sportivo dovrebbe avere almeno quattro campi, anche se il numero perfetto penso sia cinque.  Voglio ringraziare personalmente sia l’assessore Gaetano Armao che il sindaco Leoluca Orlando per il tempo che stanno dedicando alla causa Palermo per la ricerca di un terreno che sia congruo alle nostre esigenze. Al momento stiamo ragionando su quattro terreni già visionati, il mio intento è quello di presentare il progetto entro la fine dell’anno. Ciò che mi auguro vivamente è che alla fine il terreno possa essere individuato in città, perché penso che per il Palermo, e per Palermo, sarebbe davvero un’occasione più unica che rara. Farlo fuori, in zone limitrofe alla città invece rappresenterebbe una sconfitta per tutti. Pensiamo ad esempio a un centro sportivo in un quartiere come lo Zen, sono sicuro che permetterebbe ai ragazzi di integrarsi e di vivere in un clima di aggregazione e di condivisione di sani valori. Il calcio, lo sport in generale è anche e soprattutto questo: regole e aggregazione. So che i tifosi vogliono sentire parlare di tempistiche e a loro mi sento di dire che le tempestiche in genere per costruire un campo di calcio possono anche essere di circa tre mesi. Volendo - dice Mirri - penso che in un anno il centro sportivo potrebbe anche essere pronto, magari a fine 2020. Non è impossibile, prima però dobbiamo trovare un terreno. Penso vivamente che il 2020 possa essere l’anno entro cui si possa finalmente avere a Palermo il tanto e atteso centro sportivo”. 

Barbera: "Via le barriere e capienza ridotta"

Anche sulla questione Renzo Barbera Dario Mirri non sembra avere intenzione di indietreggiare di un solo centimetro. "La Favorita" è da sempre la casa del club rosanero e finchè ci sarà Mirri continuerà a esserlo. No a un nuovo stadio dunque, sì al restyling del Renzo Barbera con conseguente riduzione della capienza, un argomento che negli ultimi giorni ha creato qualche mugugno da parte della tifoseria.  “Partiamo dal presupposto - dice Mirri - che il mio sogno nell’immediato è quello di togliere le barriere che separano i tifosi dal campo. Magari iniziando proprio dalla tribuna, mi piacerebbe avviare un percorso di crescita culturale, nei prossimi giorni mi metterò in contatto con la questura. Non è certamente lasciando le barriere che si risolve un problema, anche perché non dobbiamo dimenticarci che la tifoseria palermitana ad oggi è una delle più corrette in Italia. Riguardo la capienza dello stadio, ricordo soltanto aitifosi che dopo il primo anno in Serie A, il numero di abbonati pian piano andava sempre di più diminuendo, nonostante in rosa avessimo giocatori del calibro di Cavani, Dybala e Pastore. Non è un problema che riguarda soltanto Palermo, ma in generale tutto il mondo del calcio. Quest’anno abbiamo fatto più abbonati del Napoli, una società che vanta uno stadio immenso come il San Paolo. Eppure anche a  Napoli spesso lo stadio resta con dei settori deserti, proprio come a Milano, dove tal volta sono addirittura costretti a chiudere il terzo anello. Avere un grande stadio comporta maggiori impegni di gestione, oltre che di costi, quindi quello che dobbiamo chiederci è cosa vogliamo realmente: uno stadio grande, ma spesso vuoto, o uno stadio leggermente più piccolo ma sempre stracolmo? Avevo pensato a una riduzione di circa il 20 percento, ma molto dipenderà dal progetto, anche perché nel caso del Renzo Barbera, come ben tutti sappiamo, entra in gioco anche il tema dell’area vincolata, qualsiasi tipo di ristrutturazione deve potersi conciliare con il tema dell’impatto ambientale. Faremo uno stadio coperto, un elemento che negli ultimi anni è diventato una costante per tutti i progetti dei nuovi stadi. Ma sto anche coltivando altre idee, pensiamo ad esempio alla realizzazione di box-sponsor o, cosa più importante,  ai posti riservati ai disabili. Per non parlare dei pannelli solari, che ci permetterebbero di iniziare a produrre energia oppure un'importante area di catering dove si potrebbero svolgere tantissime attività. Lo stadio può migliorare, questo è sicuro, ma il Barbera resta comunque un bellissimo impianto già così com'è. E' La casa del nostro Palermo”. 

Il presidente-tifoso: "Al Barbera mi sento invincibile"

Da sempre abituato a stare in mezzo ai tifosi: proprio lì, nel suo inseparabile seggiolino della gradinata. Che Mirri non ha voluto lasciare neanche dopo essere diventato presidente del club rosanero. Tutt’altra storia invece in trasferta, per chi, come Mirri, ha sempre seguito il Palermo lontano da viale del Fante. “Impossibile - dice l’imprenditore palermitano - dimenticarmi dell’ultima trasferta del Palermo ad Acireale. Parliamo di più di 25 anni fa, ero in macchina con i miei cugini, quando a un certo punto vidi entrare un’ape dal finestrino. Da lì a poco successe davvero di tutto e per scappare dalle "grinfie" di quell' ape si ruppe anche il filo dell’acceleratore. Noi però, che per nessuna ragione al mondo avremmo mai voluto perderci la partita del nostro Palermo, decidemmo di darci da fare, provando a riparare in qualche modo il filo dell’acceleratore, attaccando un filo dall'esterno che ci potesse permettere di accelerare "manualmente". Dopo poco capimmo che non potevamo andare molto lontano in quelle condizioni e alla fine non seguimmo la partita dalla radiolina. Da sempre sono abituato a stare nel settore ospiti quando vado in trasferta, mi piace stare accanto alla mia gente, al fianco dei tifosi palermitani. Ora, purtroppo, per motivi di sicurezza, non sempre è possibile, così ultimamente mi è capitato di dover guardare le partite da postazioni non consone al mio modo di vivere il calcio. L’ultima a Messina - racconta -  ad esempio l’ho vista da dentro un tunnel, una specie di serra dove fra l’altro faceva un caldo micidiale. La partita per me è un momento davvero troppo importante, in trasferta mi sento leggermente indifeso, ma quando giochiamo in casa invece ho la sensazione di essere totalmente invincibile. Ai tifosi mi sento di dire che la squadra si è già fatta carico di questo senso d'appartenenza. In passato ho sempre avvertito un forte senso di dispiacere quando i vari Migliaccio, Corini e Sorrentino andavano via da Palermo. Loro rappresentavano in pieno questo senso d'appartenenza e se fosse dipeso da loro sarebbero rimasti volentieri in Sicilia. Io spero che un domani possa accadere proprio questo, mi piacerebbe che i miei giocatori dimostrassero questo senso d'appartenenza. E in parte è già così, basta pensare ai vari Ambro, Accardi, Santana, Ficarrotta, Pelagotti, Crivello e tanti altri: tutti loro hanno voluto fortemente il Palermo a prescindere dalla categoria e dagli aspetti economici. I giocatori hanno appartenenza, lo stanno dimostrando concretamente". 

Il caso merchandising, tutta la verità del presidente

Botta e risposta negli ultim giorni fra i gestori dell’ex store ufficiale del Palermo e la nuova proprietà capitanata da Dario Mirri. Il presidente del club rosanero ha voluto affrontare nuovamente il tema del merchandising, provando così a spegnere ogni polemica e fare chiarezza.  "Loro possono chiamarsi come vogliono, ma non Palermo Store, questo è il nocciolo della questione. Il mio compito - dice Mirri - è anche e soprattutto quello di tutelare il Palermo, dando alla mia società il maggior vantaggio economico possibile. Si è fatta tanta confusione in merito a questa questione, perché anche se lo Store e il Palermo potevano sembravano la stessa cosa, così non era. Questi signori avevano instaurato un rapporto di collaborazione con la vecchia società, ma non con noi.  Può generare confusione infatti il fatto di chiamarsi 'Palermo Store', quando in realtà però non sei il rivenditore ufficiale della società. Noi tuteleremo il Palermo da chi cercherà di creare confusione, anche perché al momento la nostra idea è quella di concentrarci sulla vendita online piuttosto che sui punti fisici. Il nostro intento non è mai stato quello di danneggiare qualcuno. Faccio un esempio: se un giorno dovessi aprire un negozio, chiamandolo 'Fiat Store' pensate che alla Fiat possa fare piacere? Il mio compito è quello di proteggere il marchio Palermo, e credetemi, per me vale davvero tantissimo". 

Mirri e Di Piazza: amore a prima vista

Così lontani ma così vicini. Tony Di Piazza è esattamente il tipo di partner che Dario Mirri sperava di poter incontrare nella sua nuova avventura a tinte rosanero. Talmente tanto che i due sono sempre in contatto, “quasi ogni giorno, soprattutto tramite sms”, svela l’imprenditore palermitano.“C'è voluto davvero pochissimo tempo per trovare un accordo. Di Piazza è esattamente così come appare, lui è genuino e passionale. Vuole un mondo di bene sia alla città di Palermo che al club rosanero. Essendo una persona estremamente intelligente a un certo punto della trattativa con il Palermo ha capito che non poteva permettersi di stravolgere totalmente il suo stile di vita, trasferendosi a pieno regime in Italia. Dopo esserci guardati negli occhi, abbiamo immediatamente capito che avevamo bisogno l'uno dell'altro. Insieme abbiamo avuto la possibilitè di completarci. E adesso eccoci qui, insieme, pronti a portare nuovamente in alto il Palermo”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Miglior street food di Palermo, arriva Alessandro Borghese con i suoi "4 Ristoranti"

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Morte di Giuni Russo, le rivelazioni di Donatella Rettore in tv e la polemica: "Non dice la verità"

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

Torna su
PalermoToday è in caricamento