Nazionale femminile di calcio a Palermo, il Barbera aspetta le azzurre

Tutto pronto per l'arrivo delle ragazze di Milena Bertolini: appuntamento martedì 8 alle 17.30. In viale del Fante è attesa la Bosnia Erzegovina

Tutto pronto per l'arrivo della Nazionale femminile di calcio a Palermo. Le azzurre sono arrivate in queste ore a Malta, dove torneranno in campo domani - venerdì 4 ottobre - allo stadio Centenary, alle ore 17.30, per il terzo incontro delle qualificazioni a Euro 2021. L'Italia riparte dai 6 punti conquistati nelle trasferte in Israele e Georgia, due vittorie di misura preziose quanto sofferte.

Prima Malta poi la Bosnia Erzegovina a Palermo (martedì 8 allo stadio 'Renzo Barbera' ore 17.30), un doppio impegno nel giro di quattro giorni che non spaventa però la ct Milena Bertolini. "Sicuramente ora le ragazze sono in una condizione fisica diversa e migliore rispetto alle prime due partite di qualificazione giocate ad inizio agosto -ha dichiarato la ct azzurra prima della partenza- ma è anche certo che ci aspettano due impegni intensi dal punto di vista fisico e di aggressività, come è adesso nel calcio femminile internazionale. Anche se Malta e Bosnia hanno un ranking molto diverso da noi, non vanno sottovalutate: le squadre sono tutte cresciute dal punto di vista dell'intensità e del fisico. Ogni partita va affrontata con grande umiltà".

Quanto alla formazione che scenderà in campo, Bertolini si è riservata di "valutarla il giorno della partita, in base anche a questi ultimi allenamenti: sicuramente ci sono ragazze che stanno meglio, altre meno. Le giovani stanno facendo bene, ce ne sono di interessanti, le seguiamo tutte ed in questo senso il campionato dirà chi potrà essere convocata in Nazionale: l'aver fatto il raduno con l'Under 23 vuol dire che ci sono sempre 40-50 giocatrici da monitorare". A Malta le azzurre si fermeranno fino a sabato 5 ottobre; dopo l'allenamento del mattino, il gruppo partirà per Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento