Mirri chiama a raccolta i tifosi, Foschi lo stoppa: "Non abbiamo bisogno di collette"

Il presidente del Palermo ringrazia l'imprenditore per il gesto, ma dice “no” alla raccolta fondi: “Il risveglio della città mi ha riempito di gioia, ma non avremo bisogno di un azionariato popolare per pagare gli stipendi dei nostri calciatori”

Rino Foschi

Il presidente del Palermo Foschi ringrazia, ma dice “no” alla raccolta fondi proposta da Dario Mirri per il club: “Il risveglio della città mi ha riempito di gioia, ma non avremo bisogno di un azionariato popolare per pagare gli stipendi dei nostri calciatori”.

Così se qualche ora fa la Damir aveva provato a chiamare a raccolta i tifosi attraverso una campagna di coinvolgimento con donazioni, lo stesso non si può dire per Rino Foschi. Che attraverso una nota diramata sui canali ufficiali ha voluto invece “rasserenare” tutta la città di Palermo, dicendosi più che fiducioso sulla prossima incombenza stipendi. Dario Mirri intanto da martedì continua ad attendere tutta la documentazione completa per poter lavorare alla due diligence.

"Salviamo il nostro Palermo", Mirri coinvolge i tifosi: c'è il sì di Pif, Ficarra e Picone“ 

“Ringrazio ancora una volta i Mirri per questa manifestazione di affetto nei confronti della Società – dice il presidente ‘ponte’ -  ma dal giorno della chiusura di questo affare mi è capitato di leggere delle notizie che mi hanno fatto del male: il Palermo Calcio sta risolvendo i suoi problemi con grande professionalità e garantisco personalmente che a marzo non avremo bisogno di un azionariato popolare per pagare gli stipendi dei nostri calciatori. Questo genere di notizie creano insicurezza nello spogliatoio e non fanno bene alla squadra che, al contrario, deve restare concentrata esclusivamente sul decisivo finale di campionato. Ribadisco: voglio rassicurare la nostra splendida tifoseria sottolineando che non abbiamo la necessità di portare avanti delle “collette” per il pagamento dei prossimi stipendi. Siamo il Palermo Calcio e il nostro è un palcoscenico serio”.

Sul grande affetto dei tifosi Foschi precisa: “Sono felice del grande interessamento attorno alla nostra squadra. Siamo riusciti a lasciarci alle spalle un periodo di difficoltà prelevando le quote societarie dal gruppo inglese e vendendo spazi pubblicitari alla famiglia Mirri: da professionisti del settore e amanti del Palermo Calcio hanno portato avanti un’ottima operazione. Inoltre, ci sarebbero pronti due gruppi molto importanti disposti a dare un futuro roseo al club rosanero. Sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto con la dottoressa De Angeli, abbiamo superato ogni genere di difficoltà e stiamo continuando a lavorare per il bene di questa Società”. 

Potrebbe interessarti

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Estate uguale esodo al villino, ecco come i palermitani possono arredare la casa al mare

  • Gerani, i giardini palermitani ne sono pieni: come creare addobbi e segnaposto

I più letti della settimana

  • Vedono donna sola in casa e provano a violentarla: lei urla, marito la salva a suon di cazzotti

  • Tramonta il sogno cinese, crolla l'impero Z&H: sequestrati 7 centri commerciali

  • Lutto nel mondo del tifo palermitano, morto ultras della Curva Nord Inferiore

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

  • La Casa di carta, mistero svelato: al Politeama spunta la scritta: "Palermo è dei nostri"

  • Beneficiari del reddito di cittadinanza scrivono al sindaco: "Vogliamo pulire lo Zen"

Torna su
PalermoToday è in caricamento