E' un Palermo ancora Felici, basta un gol per regolare il Giugliano

Altra rete pesante dell’attaccante dopo quella di domenica scorsa. Pergolizzi vara il rombo. Bene Santana che sfiora il gol per due volte

Foto Stadionews

E il Palermo si scopre Felici-dipendente: l’importante successo esterno col Giugliano porta ancora una volta la firma del talento di proprietà del Lecce, bravo a spaccare in due la partita nel migliore momento dei padroni di casa: campani sconfitti 1-0 a Mugnano. Una vittoria di misura che vale tre, importantissimi, punti per un Palermo che dopo essere tornato al successo domenica scorsa, quest’oggi voleva disperatamente mettere un punto al periodo di appannamento che ha caratterizzato tutto il mese di novembre. Col Giugliano si decide tutto nel primo tempo: minimo sforzo, massimo risultato per i rosa, bravi soprattutto a tenere la porta inviolata in un campo in cui i padroni di casa viaggiano a una media di tre gol a partita. Da registrare sugli altri campi il successo del Savoia con la Palmese, una vittoria che costringerà il Palermo ad attendere il prossimo match, con l'Acireale al Barbera per potersi finalmente laureare regina d’inverno.  

Sì ad Ambro e Santana, no a Ricciardo. Quante sorprese nel Palermo di Pergolizzi a Mugnano. Il bomber messinese parte per la seconda volta consecutiva in panchina, lasciando così spazio al talento di Felici e all’esperienza del veterano Santana. Nel 4-3-1-2 dei rosa c’è spazio non solo per Martin, Kraja e Martinelli in mezzo al campo, ma anche per Ambro, schierato a ridosso delle due punte. In difesa torna Lancini, ma in buona compagnia del palermitano Accardi. Fra i pali c’è Pelagotti, pronto a chiudere la saracinesca a Da Vena e a Caso Naturale, attaccanti gialloblu già a quota sette gol ciascuno in campionato. Ma i rosa dovranno prestare particolare attenzione anche ad Alvino, fantasista dei campani reduce da un ottimo momento di forma. 

Mentre sugli spalti del Vallefuoco i tifosi campani fanno di tutto per far sentire il proprio calore alla squadra di mister Agovino, all’interno del rettangolo di gioco le due formazioni se le suonano di santa ragione per provare a conquistare la supremazia a centrocampo. Da una parte c’è un Palermo che, come da copione, vuole imporre i propri tempi di gioco, dall’altra invece c’è un Giugliano che con buone trame offensive non fa altro che confermarsi squadra solida e ben attrezzata, soprattutto in attacco dove – non a caso – davanti ai propri tifosi sono già riusciti a segnare una caterva di gol. E infatti al 20’ i campani sfiorano il vantaggio su calcio piazzato, non prima però di aver visto Felici andare vicino al suo secondo tap-in consecutivo in maglia rosa. Soltanto prove del gol per il classe 2001 che qualche minuto più tardi riuscirà a spaccare in due la partita, proprio come accaduto domenica scorsa, questa volta però sfruttando un’incomprensione difensiva gialloblu. Il Giugliano incassa e reagisce, e al ridosso del duplice fischio si illude di poter andare al riposo sul punteggio di parità con un colpo di testa di Alvino che per fortuna dei rosa si spegne al lato del palo difeso da Pelagotti. 

A prendersi le luci dei riflettori a inizio ripresa è Mario Santana: nel giro di pochi minuti l’argentino sfiora per ben due volte il raddoppio, prima con un tiro deviato sopra la traversa e poi con una violentissima conclusione dai 25 metri neutralizzata da Mola. Superata l’ora di gioco dalle panchina inizia la sfida tattica fra i due allenatori: mister Agovino richiama in panchina Orefice al posto del giovane D’Ausilio, mentre Pergolizzi manda in campo Ricciardo e Langella per Kraja e Ambro. Qualche brivido per il tecnico rosanero nei minuti finali del match, bravo Pelagotti a rispondere sempre presente. Il triplice fischio dell’arbitro arriva dopo un corposo recupero in cui il Giugliano, seppure timidamente, prova a giocare un brutto scherzetto al Palermo. Può sorridere Pergolizzi, seconda vittoria consecutiva per la sua squadra. 

Il tabellino di Giugliano-Palermo

Marcatori: 36’ Felici. 

GIUGLIANO: Mola, Micillo, Mennella, Ruggiero (75’ Terracino), Impagliazzo, Di Girolamo, Orefice (62’ D’Ausilio), Liccardo, De Vena, Alvino (67’ Manzo), Caso Naturale. All. Agovino.

PALERMO: Pelagotti 6 , Doda 6 , Accardi 6 , Lancini 6, Vaccaro 6 ;  Martinelli 6, Martin 6, Kraja 5,5 (67’ Langella 5,5); Ambro 5,5 (67’ Ricciardo 6); Santana 6(cap.) (79’ Mauri S.V.), Felici 7. All. Pergolizzi. 6,5

ARBITRO: Emanuele Bracaccin.

NOTE – Ammoniti: 16’ Martin; 25’ Licciardo; 53’ Vaccaro; 82’ Manzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo protagonista, prevista "tempesta violenta": diramata allerta meteo gialla

  • La lettera: "Silvana Saguto ci hai tolto tutto, tu mangiavi sempre al ristorante e noi un pezzo di pane"

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Un colpo di pistola in aria e poi l'assalto al portavalori, rapina da 65 mila euro a Bagheria

Torna su
PalermoToday è in caricamento