Il rombo delle auto storiche a Palermo, al via il Giro di Sicilia

In gara oltre 250 vetture provenienti da tutto il mondo. La mitica Cisitalia 202 SMM “Nuvolari” del 1947 si è aggiudicata il secondo Memorial dedicato al barone Stefano La Motta

La Cisitalia 202 SMM “Nuvolari”

E' partita da Palermo l'edizione numero 29 del Giro Sicilia. Allo start vicepresidente Antonio Verzera e il consigliere federale Francesco Battista, il vicepresidente della Regione Sicilia Gaetano Armao e la campionessa olimpica di scherma Valentina Vezzali.

La rievocazione del Giro di Sicilia, gara voluta da Don Vincenzo Florio nel lontano 1912 e oggi evento internazionale Asi-Fiva, è partita con più di 250 equipaggi provenienti da tutto il mondo e in tre giorni attraverserà alcune delle più belle località della Sicilia. Presente tra le auto la storica Fiat 600, modificata dalla GuidoSimplex per soggetti disabili, con a bordo gli atleti palermitani Nanni Gambino e Pietro Boncimino.

La prima tappa é stata molto suggestiva: si è passati per Floriopoli, dove gli equipaggi hanno respirato l’aria di altri tempi e ammirato le storiche tribune, (tempio indiscusso dei motori) dove sono passati i più grandi piloti del mondo e le più rinomate case automobilistiche che dal 1906 e fino al 1977, si sfidavano per apporre il loro sigillo sull'albo d'oro dell'indimenticabile e famosa gara ideata da Don Vincenzo Florio. Poi tappa a Castellana Sicula dove è tenuto il Memorial dedicato al Barone Pucci, detto anche "Il Gattopardo Volante”, e per Nicosia che con l’occasione ha dedicato una targa al Barone La Motta che perse la vita in un incidente durante l'edizione del Giro di Sicilia del 1951.

La mitica Cisitalia 202 SMM “Nuvolari” del 1947, presente per la prima volta al Giro di Sicilia, guidata da Mariella Mengozzi, direttore del Museo nazionale dell’automobile di Torino, e da Ermanno De Angelis di Adrenaline24h, si è aggiudicata il secondo Memorial dedicato al barone Stefano La Motta. La Targa, assegnata dall’associazione dei veicoli storici Nicosia e dall'amministrazione, è stata consegnata a Nicosia che per l’occasione ha preparato un'accoglienza scenografica anni ‘50.

“Per il Museo è una grande emozione portare una delle più importanti vetture della collezione museale in una terra come la Sicilia da sempre caratterizzata da una forte tradizione di valorizzazione del motorismo storico e delle auto d’epoca e teatro di corse epiche e leggendarie – afferma Mariella Mengozzi, direttore del museo torinese - Sarà inoltre un’importante occasione per stringere nuove e proficue collaborazioni con collezionisti e istituzioni, come quella con il Museo storico dei motori e dei meccanismi di Palermo, oltre che una grande opportunità di visibilità del museo che esce dalla sua città per farsi conoscere da un pubblico più ampio possibile di appassionati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da Campofiorito, vede disegno della figlia in tv e dà sue notizie: "Sto bene"

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • L'agguato con la pistola e la rapina in mezzo al traffico, arrestato diciassettenne

  • Incassa il reddito di cittadinanza ma lavora (in nero) in un panificio, denunciato

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

Torna su
PalermoToday è in caricamento