Futsal, il Palermo calcio a 5 pareggia col Real Phoenix e perde la vetta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Un avvio di 2020 non propriamente fortunato per il Palermo Calcio a 5: dopo la sconfitta contro il Mistral Carini i rosanero, infatti, pur disputando una delle loro migliori partite dall'inizio della stagione, vengono bloccati sul 3-3 dal Real Phoenix nella prima gara del girone di ritorno proseguendo l'astinenza di vittorie in questo nuovo anno.

Gara dai due volti nella quale la compagine guidata dal tecnico Zapparata ha avuto prima paura di perdere quindi il rammarico per non aver vinto visto il gol beffardo subito nelle battute conclusive del match. In virtù di questo pareggio e della contemporanea vittoria del Palermo Futsal Eightyniners i rosanero perdono la testa della classifica del girone A di Serie C2 (Palermo Calcio a 5 adesso a -1 dalla vetta).

Contro il Real Phoenix il Palermo inizia a fare la sua partita, creando la consueta mole di gioco ma, alla prima vera occasione da rete, il Real Phoenix non perdona trovando il vantaggio con l'ex Prestigiacomo che, approfittando del disimpegno tardivo del quintetto rosanero, fredda l'estremo difensore del Palermo Costanzo. In avvio di ripresa i rosanero continuano a giocare con grande intensità e voglia di riequilibrare il risultato ma, su un capovolgimento di fronte, arriva il clamoroso raddoppio dei padroni di casa. Una ripartenza letale consente ad Anselmo di realizzare la rete del 2-0 che fa esplodere gli spettatori presenti al "Settebello".

Quando tutto sembrava finito, ecco la super reazione d'orgoglio del Palermo Calcio a 5 che, trascinato da un monumentale Messeri, ribalta la partita. Al capitano rosanero bastano appena 7 minuti per siglare una incredibile tripletta che porta il Palermo Calcio a 5 sul momentaneo 3-2. A questo punto il tecnico del Real Phoenix Labita corre ai ripari e si gioca la carta della disperazione, rappresentata dal quinto di movimento. E su un altro disimpegno sbagliato della retroguardia rosaneroarriva il definitivo 3-3. Ancora una volta, dopo l'errore digestione del pallone, un rimpallo sfortunato dopo la conclusione di Sciaccabatte Costanzo facendo esplodere di gioia i padroni casa per un pareggio che, a quel punto del match, pareva insperato. I rosanero adesso dovranno proiettarsi anima e corpo al prossimo impegno di Coppa Sicilia contro l'Olimpia Casteldaccia, capolista del girone B diserie C2.

Torna su
PalermoToday è in caricamento