Terremoto Palermo: Foschi licenziato, Richardson rinuncia alla presidenza

La lettera di licenziamento firmata dall'amministratore delegato Facile. Il ds romagnolo, che si trova a Milano per il calciomercato, sostiene di non essere stato avvertito. L'ultima lite su tre giocatori extracomunitari "imposti" dagli inglesi

Rino Foschi

Terremoto in casa Palermo: Rino Foschi è stato licenziato e Clive Richardson rinuncia alla carica di presidente. Nel primo caso l'epilogo era nell'aria: la lettera di licenziamento del ds romagnolo è stata firmata dall'amministratore delegato del Palermo Emanuele Facile. Foschi, che si trova a Milano per le ultime ore di calciomercato, sostiene che ancora non gli sarebbe stato comunicato nulla. Ma dopo settimane di dichiarazioni forti e ripicche, stamattina la goccia che ha fatto traboccare il vaso sarebbe stata l'acquisto di tre giocatori extracomunitari (la cui identità è ancora sconosciuta) "imposti" dagli inglesi. 

Via anche Richardson, il Ceo della Sport Capital group. L'ufficialità arriva attraverso un comunicato inviato a forzapalermo.it: "SCG - si legge - acquisirà una serie di club in tutta Europa. Clive (Richardson ndr) è una parte importante di questo processo e come tale si farà da parte per permettere ad Emanuele Facile di gestire il Palermo in futuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

Torna su
PalermoToday è in caricamento