Terremoto Palermo: Foschi licenziato, Richardson rinuncia alla presidenza

La lettera di licenziamento firmata dall'amministratore delegato Facile. Il ds romagnolo, che si trova a Milano per il calciomercato, sostiene di non essere stato avvertito. L'ultima lite su tre giocatori extracomunitari "imposti" dagli inglesi

Rino Foschi

Terremoto in casa Palermo: Rino Foschi è stato licenziato e Clive Richardson rinuncia alla carica di presidente. Nel primo caso l'epilogo era nell'aria: la lettera di licenziamento del ds romagnolo è stata firmata dall'amministratore delegato del Palermo Emanuele Facile. Foschi, che si trova a Milano per le ultime ore di calciomercato, sostiene che ancora non gli sarebbe stato comunicato nulla. Ma dopo settimane di dichiarazioni forti e ripicche, stamattina la goccia che ha fatto traboccare il vaso sarebbe stata l'acquisto di tre giocatori extracomunitari (la cui identità è ancora sconosciuta) "imposti" dagli inglesi. 

Via anche Richardson, il Ceo della Sport Capital group. L'ufficialità arriva attraverso un comunicato inviato a forzapalermo.it: "SCG - si legge - acquisirà una serie di club in tutta Europa. Clive (Richardson ndr) è una parte importante di questo processo e come tale si farà da parte per permettere ad Emanuele Facile di gestire il Palermo in futuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

  • Incidente nella notte ad Altofonte, scontro frontale tra auto: morto 31enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento