Muoversi bene, crescere meglio: progetto targato Milan a Ciaculli

"Alfabetizzazione motoria" è il progetto che vedrà come protagonisti la scuola calcio del quartiere e l'istituto scolastico Padre Pino Puglisi. Entusiasta il presidente Fabio Carmicino: "Non bisogna mai sottovalutare l'attività fisica, specialmente fra i banchi di scuola"

A sinistra il dirigente scolastico Vincenzo Guarneri e il presidente della scuola calcio Fabio Carcimino

Lo sport non è (solo) un gioco, anzi, in certi casi “può cambiarti proprio la vita”. E’ questo il pensiero condiviso all'unisono dall’Istituto scolastico Padre Pino Puglisi e dalla scuola Calcio Ciakulli Milan. L’uno al fianco dell’altro, sia in campo che fuori dal terreno di gioco grazie a “Fondazione Milan”, organizzazione nata nel 2003 con l'intento di stare fianco di tante realtà bisognose (sia in Italia che all’estero) rinnovando massima solidarietà a chi, purtroppo, si trova in situazioni di disagio. La public charity rossonera ha voluto fortemente dare vita a questo progetto anche nel territorio palermitano per promuovere la cultura dello sport, la condivisione delle regole e tanto altro. 

“Alfabetizzazione motoria”, (questo è il nome dato al progetto) coinvolgerà principalmente gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto Padre Pino Puglisi e tre tecnici della scuola Calcio Ciakulli Milan, Umberto Carmicino, Giovanni Garofalo e Francesco Tranchina. Spetterà a loro dare supporto ai docenti di scienze sportive durante le attività quotidiane scolastiche, favorendo così la disciplina della psicomotricità educativa attraverso il gioco e l’aggregazione.

“Purtroppo  - ha confessato a PalermoToday il presidente della scuola calcio Ciakulli Milan, Fabio Carmicino –  mi accorgo sempre di più che il trend generale fra i banchi di scuola sia sempre quello di sottovalutare l’aspetto dell’educazione motoria. Così come già fatto in passato cercheremo di invertire questa tendenza, focalizzandoci anche sui bambini più piccolini. L’idea - continua - nasce da fondazione Milan che ha voluto fortemente promuovere questo progetto in diverse regioni d'Italia, fra cui appunto in Sicilia. Sono molto contento, perché abbiamo riscontrato un grande entusiasmo anche da parte del preside dell’Istituto Padre Pino Puglisi, che non ha esitato un solo istante nel dirci di sì. Attenzione però – specifica il presidente Carmicino – non si giocherà soltanto a calcio, perché ciò che ci preme di più è far fare una sana e proficua attività fisica a tutti gli alunni, grandi e piccolini".  

Circa duecento ore di intensa e sana attività fisica fra i banchi di scuola dunque per un rogetto che avrà durata quadrimestrale, anche se, così come confessato dallo stesso dirigente scolastico Vincenzo Guarneri, la speranza resta sempre quella di poter dare continuità ad iniziative di questo genere.  “Stiamo parlando di una risorsa estremamente importante, sia per i ragazzi che per l’Istituto -  spiega Guarneri – anche perché sono fermamente convinto che sono proprio progetti di questa caratura che permettono di attrezzare sempre più le scuole e qualificare la formazione. Lo sport è più di una risorsa, per questo - conclude - cercheremo di qualificare ulteriormente l’offerta didattica con altri interessanti oltre che formativi progetti”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento