Questo Palermo sa solo vincere: pokerissimo rosa, Ficarrotta decide il derby col Messina

Al San Filippo i ragazzi di Pergolizzi centrano la quinta vittoria della stagione (in cinque partite) nonostante la sofferenza finale. Decide un gol dell'attaccante a inizio ripresa

L'esultanza di Ficarrotta dopo il gol

Un brutto Palermo acciuffa comunque i tre punti nel derby grazie a un lampo su punizione del palermitano Ficarrotta: al San Filippo finisce 1-0 per i rosa, ma la prestazione è tutt’altro che positiva. E pensare che nei minuti finali il Messina ha più volte sfiorato il pareggio. Delude Ricciardo, mentre Felici torna a convincere, specialmente nel primo tempo. Doveva essere un esame di maturità per il Palermo e così è stato, poca estetica e tanta sostanza. I rosa di Pergolizzi sono comunque riusciti a centrare la quinta vittoria della stagione, la terza consecutiva in trasferta. Non accadeva da quasi tre anni. Adesso testa al prossimo impegno al Barbera contro la Cittanovese. 

Gol e highlights | Video

Non c’è Santana, ma c’è Ficarrotta nel 4-3-3 di Pergolizzi per il derby con il Messina. La sensazione però è che l’attaccante palermitano (al di là della rete) abbia ancora bisogno di tempo per entrare a pieno regime nei dettami di gioco del tecnico. Confermate tutte le sensazioni della vigilia, stesso modulo e stessi interpreti degli ultimi tre impegni di campionato. Fiducia a Felici dunque, uno dei pochi che col Marina di Ragusa ha leggermente deluso le aspettative e che oggi, invece, ha provato a mettersi sul groppone il peso di tutto il reparto offensivo dei rosa. Anche perché quest’oggi non si è mai visto Ricciardo, bomber nato a Messina che in estate, prima di approdare al Palermo, era stato corteggiato proprio da tutte e due le formazioni peloritane. Schieramento a specchio per la squadra di Costantino, con il palermitano Carbonaro, Gomes e Carrozza in avanti. Pressing altissimo e pedalare: l’ha preparata così il tecnico dei messinesi, pochi spunti, ma tanta corsa per i padroni di casa, bravi ad aggredire nella metà campo avversaria il Palermo. 

Più noia che altro infatti nella prima frazione di gioco: derby strozzatissimo, squadre a tratti imprecise e il più delle volte prive di idee. Ritmi bassi per più di mezzora di gioco, sia da una parte che dall’altra. Poi il Palermo si sveglia, o almeno, ci prova. Il diagonale di Felici neutralizzato da Aiello è sicuramente l’occasione più limpida del primo tempo. Ci ha provato più volte il talentino dei rosa ad accendere il derby, anche e soprattutto con le sue progressioni improvvise che a tratti sembravano poter mandare in tilt la difesa avversaria. Ma dall’altro lato c’è un buon Messina, o quanto meno bravo a contenere le bordate offensive dei palermitani. E’ la compattezza in difesa a fare la differenza nei padroni di casa, che in avanti però hanno faticato parecchio ad impensierire Pelagotti, praticamente l’unico vero spettatore non pagante di questa prima frazione di gioco.  

Ci pensa Carbonaro a inizio ripresa a svegliare il portiere con un missile che si spegne al lato del palo di Pelagotti. Brivido lungo la schiena per i rosanero. Ricciardo prova a farsi valere, ma il bomber non è mai entrato in partita. La svolta per fortuna di Pergolizzi arriva al 58’ con un calcio di punizione trasformato da Ficarrotta, con la complicità però di una lettura poco corretta di Aiello. Il sinistro di Ficarrotta affievolisce ancora di più una partita che in fondo non è mai decollata. Il Messina ci prova, ma i limiti della formazione peloritana sono evidenti, mentre il Palermo si limita soltanto ad amministrare il vantaggio acquisito. Gli ultimi dieci minuti sono tutti da vivere in apnea per Crivello e compagni: l’occasione più ghiotta per il Messina si materializza con un siluro di Carrozza che si stampa in pieno sulla traversa. Episodio che dà fiducia ai padroni di casa, che qualche minuto più tardi sfiorano ancora il gol del pari, prima dalla distanza, con una conclusione imprecisa, e poi con un colpo di testa sugli sviluppi di un corner. A quattro minuti dal termine Pergolizzi decide di giocarsi la carta Sforzini per tenere il pallone il più tempo possibile nella metà campo avversaria. Il Palermo tiene e alla fine porta a casa tre punti, forse i più pesanti di questo avvio di stagione. 

Il tabellino di Messina-Palermo

Marcatori: 58’ Ficarrotta

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FC MESSINA: Aiello, Giuffrida (cap.), Marchetti (81’ Bevis), Carbonaro, Fissore, Gomes, Carrozza, Marchetti, Quitadamo (62’ Melillo), Casella, Correnti. All. Costantino
PALERMO: Pelagotti 6; Doda 6, Lancini 6, Crivello 6, Vaccaro 6 (71’Ambro 6); Kraja 5,5 (71’ Peretti 6), Martin 5,5, Martinelli 5,5; Ficarrotta 6,5 (75’Langella s.v.), Felici 6, Ricciardo 4,5 (86’ Sforzini s.v.). All. Pergolizzi. 
ARBITRO: Luca De Angeli
Note – ammoniti: 80’ Melillo; 89’ Felici.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

Torna su
PalermoToday è in caricamento