Fallimento Palermo, l'appello: "Arkus riconsegni le chiavi del Barbera"

Con una formale interrogazione urgente il consigliere di Sinistra Comune, Marcello Susinno, chiede di conoscere i tempi del rilascio dello stadio: "Meglio evitare imbarazzi"

"Meglio evitare imbarazzi, la Arkus riconsegni le chiavi dello stadio". Con una formale interrogazione urgente il consigliere di Sinistra Comune Marcello Susinno chiede di conoscere i tempi del rilascio del Barbera, struttura di proprietà del Comune, da parte della Arkus.

"I tempi - ha detto - sono strettissimi e il bando già pubblicato scade a giorni e la nuova società, che sarà a breve incaricata dal Sindaco, deve avere subito la disponibilità dell'impianto, stante che il campionato di serie D inizia il primo settembre. Infatti - continua Susinno - all'Arkus la disponibilità dell'impianto sportivo era stata formalizzata dagli uffici, con un atto di concessione utile per l'iscrizione al prossimo campionato di serie B. Poiché, per come noto, l'iscrizione, ad oggi, non ha avuto luogo ritengo che l'Arkus non ha più la titolarità per detenere lo stadio e che sarebbe opportuno che lo riconsegli al più presto nelle mani dell'Amministrazione".

"Pur riconoscendo il diritto dell'Arkus  di proseguire i ricorsi nei successivi gradi, tuttavia potrebbe essere utile - conclude  Susinno - che anche nel mondo del calcio sia introdotta una sorta di "Blacklist federale" in tal senso forse la fine del Palermo, poteva essere evitata". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento