Il Palermo si è fermato a Empoli: Caputo show, 4 sberle in Toscana

Notte da incubo al Castellani, i padroni di casa strapazzano i rosanero. Segna subito Brighi che sfrutta una respinta corta di Posavec, poi sale in cattedra il capocannoniere del campionato che mette a segno una tripletta. Uomini di Tedino raggiunti in testa

Una notte da incubo. Il Palermo perde male in Toscana con un 4-0 che rischia di lasciare pericolosi strascichi e si fa agguantare dall'Empoli in testa alla classifica, in attesa del risultato del Frosinone che a questo punto potrebbe allungare e salutare la compagnia e abbozzare la prima vera fuga della stagione. Nel Ciccio Caputo show (tripletta da sogno) i rosa sono stati inferiori in tutti i confronti individuali. Al Castellani il Palermo perde l'imbattibilità esterna e tutte le certezze accumulate finora. La difesa di acciaio si è sfaldata al cospetto del miglior attacco del campionato. Male Bellusci e Struna, malissimo Szymisnki e Dawidowicz. Il centrocampo empolese ha surclassato i mediani rosanero e in avanti Nestorovski e Trajkovski non hanno mai trovato lo spunto giusto. Ma più in generale i padroni di casa hanno dominato in ogni angolo del campo sfruttando il possesso palla e trovando sempre l'uomo libero.

Caputo è un killer: sa sempre cosa fare, segna da qualsiasi posizione, e cesella come meglio non potrebbe il gioco della sua squadra. L'altro protagonista si chiama Zajc. Un talento purissimo, il classico interruttore che spegne e accende le azioni, giocando tra centrocampo e attacco. Imprendibile, scaltro, fantasioso e uomo assist (è entrato in tutte le azioni dei gol). L'Empoli ha sfondato sulle fasce soprattutto con Pasqual, giocatore d'altra categoria, ed è riuscito a far male anche attraverso le vie centrali. Verticalizzazioni improvvise, cambi di gioco, triangoli sullo stretto. Andreazzoli è salito in corsa sul treno Empoli ma sembra guidare questa squadra da sempre, perché gli azzurri - avvelenati e con la voglia di vendicare la retrocessione di un anno fa avvenuta proprio a Palermo - giocano a memoria.

E il Palermo? Sta a guardare. Le occasioni che crea sono più casuali che costruite, e la partita di oggi conferma il trend opaco in cui si era infilato nelle ultime settimane, con quei pareggi esterni scialbi e arrivati senza strafare (vedi Cesena e La Spezia). La classifica di colpo sembra avere meno fascino e ci sarà da lavorare per rimettere le cose a posto, perché Empoli e Frosinone sono due brutti avversari con cui sgomitare nella lunga volata per la promozione diretta.

Tedino in realtà aveva provato a replicare quello che aveva fatto nelle ultime trasferte. Aspettare, chiudere, gestire, controllare, con il Palermo abbottonato nell'ormai classico 3-5-2. Piani crollati quasi subito. Perché dopo 12 minuti l'Empoli è già in vantaggio. Bella apertura del gioiellino Zajc, che smarca a rimorchio la locomotiva Pasqual: il tiro-cross dell'ex Fiorentina è respinto da Posavec a centro area, proprio sui piedi di Brighi che spinge in rete per il più facile degli 1-0. Il Palermo non c'è e gli unici pericoli arrivano da Maietta, che mette in difficoltà Gabriel con un retropassaggio. Prova a sbracciarsi Nestorovski, che a un certo punto ruba palla, fa tutto solo e impegna il portiere empolese con un tiro potente da fuori. Alla fine del tempo però irrompe Caputo. Il capocannoniere del campionato sbuca dal nulla e sfruttando un'apertura millimetrica di Zajc sfugge a Dawidowicz mette dentro da pochi passi.

Ti aspetti un Palermo all'arrembaggio nel secondo tempo e invece rimani deluso. Perché già dopo 20 secondi Caputo si presenta davanti a Posavec e per poco Bellusci non fa autogol su una sfortunata carambola. Il tris è rimandato di pochissimo: l'area del Palermo sembra un flipper, Caputo si accentra, chiede e ottiene un triangolo a Zajc e fredda Posavec da due passi con uno splendido tiro a giro di piatto destro. Partita finita. Il Palermo ci mette il cuore, entrano Moreo (che coglie la traversa poco dopo), Gnahorè e Rolando, Nestorovski impegna Gabriel su punizione, ma siccome questa è la serata di Caputo, succede che il bomber di casa sfugge ancora a Dawidowicz, viene atterrato e sul rigore (giusto) segna la tripletta personale. Per l'attaccante è il ventesimo gol in stagione. Finisce 4-0 per l'Empoli. Questo Palermo - troppo brutto per essere vero - si scopre nudo. La peggior sensazione possibile due giorni dopo la fine del mercato.

TABELLINO

EMPOLI-PALERMO 4-0
Marcatori:
Brighi 12', Caputo 44', 51', 82' (rig.)
EMPOLI 4: Gabriel 6,5; Di Lorenzo 6,5, Maietta 6,5, Veseli 6, Pasqual 7; Brighi 7 (83' Lollo s.v.), Castagnetti 6, Bennacer 6,5; Zajc 8 (80' Luperto s.v.); Caputo 8,5, Donnarumma 6,5 (72' Ninkovic 6). Allenatore: Andreazzoli 8.

PALERMO 0: Posavec 5; Dawidowicz 4, Struna 5, Bellusci 5; Szyminski 4 (66' Gnahorè 5,5), Coronado 5,5 (73' Rolando 5,5), Jajalo 5, Chochev 5 (55' Moreo 6), Aleesami 5; Trajkovski 5; Nestorovski 6. Allenatore: Tedino 4.
ARBITRO: La Penna 6
NOTE - Ammoniti: Zajc, Veseli, Struna, Rolando.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Un palermo da serie C ..come lo è tutta la città....w il sidaco ollando ...w ..w ..

  • La sconfitta ad Empoli ci sta. Le proporzioni e il modo in cui é arrivata sono umilianti. Ma nel calcio succede anche questo: non si imbrocca la serata giusta, si va in tilt e si prende l'imbarcata. In casi del genere c'è da temere soprattutto il contraccolpo psicologico, dev'essere bravo lo staff a evitarlo. Per il resto, bando al SOLITO catastrofismo siculo. iL pessimismo ancestrale che ammorba la "cultura" siciliana annebbia, come al solito, la ragione. Il Palermo ha oggettivamente una delle migliori squadre della B. Ha dei limiti, ovvio, come tutte le dirette rivali. Ma il livello medio di questa serie B é modesto, dunque la cosa non stupisce. Il Palermo andrà in A, anche se non ci sarà alcuna cavalcata trionfale. Piuttosto, si spera che tiskitoski s'arruspigghi e ricominci a segnare

  • Alla fine purtroppo sono emersi tutti i limiti tecnici della squadra. La campagna acquisti di riparazione non è andata bene anzi non si è proprio vista come er prevedibile nonostante i maestosi annunci di zampa impegnato nelle grane giudiziarie del palermo. Grande merito a tedino che con i pochi mezzi a disposizione ci ha portato dove siamo adesso ma da ora in poi ogni partita dovrà essere giocata come una finale di coppa e speriamo che basti questo altrimenti il ritorno in serie a resterà una chimera

  • Avatar anonimo di tony
    tony

    Caro,,,,,,,zampa ti e' piaciuto venderti i giocatori buoni per prendere immondizia?non ti lamentare se allo stadio nemmeno c'e' quello che vende i ghiaccioli.

  • è questo il palermo. non è strana la pesante sconfitta ma è inspiegabile come abbia fatto tutti questi punti. tedino fino ad ora ha fatto i miracoli perché il materiale umano a sua disposizione è assolutamente ridicolo. gente come traycosky e alesami ne trovi a bizzeffe nei campi di terza categoria del palermitano. e state certi che adesso tutte le altre squadre faranno tesoro di quanto visto ieri sera.Cavani pastore miccoli Corini dove sieteeeeee.che tristezza! !!

  • Come in un viaggio al principio del tempo...

  • Avete messo voti bassi ma non sono d’accordo perché questi giocatori hanno giocato al loro massimo! Purtroppo hanno palesi limiti e questa sera sono affiorati tutti. Non sono giocatori che possono dare di più di tanto.... rischiamo di non salire proprio!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Pulizia straordinaria: a Villagrazia spazzate 96 strade, via le alghe dal porticciolo di Sferracavallo

  • Cronaca

    Con un'auto buttano giù distributore e lo portano via: furto da 20 mila euro in tabaccheria

  • Mafia

    "Paga o ti faccio chiudere il cantiere": ma lui si ribella e fa arrestare uno dei Graviano

  • Cronaca

    Riina junior ora è libero: "Si dedica alla fattoria, ha cambiato vita"

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Incidente allo Zen, tragico scontro tra un'auto e uno scooter: morto un 39enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento