homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Miccoli: “Faccio il capitano a modo mio Catania forte, ma quanto parlano…”

Il numero dieci rosanero infuriato perché dopo il silenzio stampa di ieri imposto dalla società qualcuno ha tirato in ballo Corini come esempio: "Io rispetto il club". Poi il pensiero al derby: "Vale doppio, vittoria e salvezza"

Fabrizio Miccoli punta il Catania

La sconfitta col Parma, la società che ordina ai giocatori di rimanere in silenzio e qualcuno che in sala stampa sussurra che un capitano come Corini si sarebbe presentato ugualmente ai microfoni. Fabrizio Miccoli lo viene a sapere, si infuria e chiede di convocare per oggi pomeriggio una conferenza stampa al Barbera. "Da quando sono in questa squadra - attacca il salentino - c'ho sempre messo la faccia sia che fossi capitano o meno. Se la società dà un'indicazione è giusto rispettarla, non mi interessa come si sarebbe comportato Corini. Ognuno fa il capitano come gli pare".

IL DERBY DELLA VITA. Il numero dieci è teso, ma rimane concentrato sul campo. "Sabato abbiamo un'opportunità doppia. Possiamo salvarci e vincere il derby. Sarà l'ultima spiaggia, sarà la partita della vita e ci vorranno gli attributi per scendere in campo. Il gruppo è unito, il gesto di Budan dopo la sostituzione lo conferma. Igor ha già chiesto scusa e se lui che è un ragazzo tranquillo ha reagito così si vede che ci tiene".

"A CATANIA PARLANO TROPPO". E lui che è il simbolo di questo Palermo la sente forse più di tutti questa rivalità con gli etnei. "Hanno fatto una stagione importante, hanno un grande allenatore che li fa giocare bene e devo fargli i complimenti, però da tre mesi vanno avanti con questa storia che sono sopra di noi in classifica. Mi dà fastidio sentirglielo ripetere anche perché noi siamo stati avanti a loro per anni. Dove erano l'anno scorso quando noi giocavamo la finale di coppa Italia a Roma? Dove erano quando noi eravamo in Europa League? Eppure noi non ci siamo mai vantati più di tanto".

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Borgo Nuovo, sparatoria per lite condominiale: un morto e un ferito

    • Cronaca

      Furti e rapine a Carini, i soldi venivano reinvestiti nella droga: sgominata banda

    • Cronaca

      L'omicidio e il mancato suicidio all'hotel Archirafi, "a decidere" fu un Gratta & vinci

    • Incidenti stradali

      Anziano investito in piazza Verdi, si costituisce vetturino

    I più letti della settimana

    • Tragedia in officina a Carini, disco di una ruota in faccia: muore meccanico di 24 anni

    • Borgo Nuovo, sparatoria per lite condominiale: un morto e un ferito

    • Incidente in corso Calatafimi, travolge due scooter: un ferito grave

    • Incidente di corso Calatafimi, 45enne muore all'ospedale Civico

    • Omicidio a Partinico, morto un giovane accoltellato durante una lite

    • Tenta furto, poi manda in ospedale due carabinieri: arrestato palermitano

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento