Viviano: "Penso solo al Palermo e all'azzurro per gli Europei"

Il portiere al termine della stagione dovrebbe tornare all'Inter: "I nerazzurri non si sono fatti sentire, ma se esercitano il riscatto sarò loro". La gara col Bologna: "Città splendida, ma dobbiamo vincere"

Emiliano Viviano @Tm News-Infophoto

Domenica sfida il suo passato, il suo futuro potrebbe essere già segnato, ma Emiliano Viviano ferma la macchina del tempo e prova a pensare solo al presente, al Palermo. Perché l'obiettivo più immediato si chiama Europeo e passa soprattutto dalle prestazioni con la maglia rosanero. "Faccio parte del gruppo di Prandelli e godo della sua stima, adesso sul campo dovrò dimostrare di meritare la maglia azzurra".

BOLOGNA, IL PASSATO. Intanto la prossima gara contro i rossoblù  di Pioli tocca le corde di questo ragazzone. "Ho vissuto due stagioni splendide a Bologna, non si può voler bene a quella città, ma a Palermo sto trovando meno pressioni e meno difficoltà".

PALERMO, IL PRESENTE. I rosanero, infatti, anche se non vivono un periodo particolarmente felice stanno rischiando poco: la zona retrocessione è a distanza di sicurezza. "E' il bello e il brutto della nostra posizione di classifica - spiega Viviano - ma con due vittorie di fila la situazione può cambiare, intanto pensiamo a ottenere il primo successo in trasferta". Magari riuscendo a tenere la rete inviolata, visto che da quando è a Palermo, l'estremo difensore c'è riuscito soltanto una volta contro il Novara. "Sabato ero contento, poi è arrivato quel gol a pochi minuti dalla fine e non è stato piacevole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL FUTURO, SUO E DEI ROSANERO. Eppure la partita con l'Udinese ha dato delle indicazioni positive a Mutti, soprattutto grazie alle prove convincenti dei giovani difensori Labrin e Milanovic. "Labrin - commenta Viviano - ha fatto due grandissime prestazioni, specie a Lecce. Milanovic è davvero forte e ha personalità, l'avevo già detto prima che esordisse". Due elementi su cui il Palermo forse può costruire il futuro. E Viviano? "Io dell'Inter non ho sentito nessuno e al momento penso solo a questo campionato, poi se i nerazzurri dovessero esercitare il riscatto io tornerò lì come previsto da contratto".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento